26 Gennaio 2020

News
percorso: Home > News > News

In Francia il sinodo della Chiesa protestante unita

29-04-2018 08:40 - News
Verrà lanciata "Lire la Bible!", una campagna nazionale per riavvicinare il testo biblico alla vita del singolo individuo. Ne parliamo con il pastore Paolo Morlacchetti che coordina il progetto

Sarà il piccolo paese di Lezay, nell´ovest del Paese, a ospitare dal 10 al 13 maggio il prossimo sinodo della Chiesa protestante unita di Francia (Epudf), nata 5 anni fa dall´unione della Chiesa riformata di Francia e della Chiesa evangelica luterana. Alain Millet, moderatore di questa sessione sinodale, accoglierà i 220 delegati provenienti da tutta la nazione e gli invitati dai Paesi esteri.

Il Consiglio nazionale dell´Epudf ha scelto quale tema portante dei lavori "l´essere chiesa", fare comunità, testimoniare l´evangelo nel mondo di oggi. Il discorso della presidente del Consiglio nazionale, la pastora Emmanuelle Seyboldt, è previsto nella mattinata di venerdì 10 maggio.

Il momento più importante di questa sessione di lavori sarà certamente il lancio ufficiale di quella che viene definita "Dinamica di riflessione e di sperimentazione di lettura della Bibbia per il triennio 2018-2021": un´iniziativa volta a rimettere il testo biblico al centro della vita comunitaria. A coordinare il neonato gruppo di lavoro nazionale è il pastore Paolo Morlacchetti della Chiesa protestante di Nizza e membro del consiglio nazionale dell´Epudf che ci ha raccontato la genesi e gli auspici del progetto: «Posta al centro della liturgia la Bibbia rappresenta per noi protestanti un pilastro fondamentale della vita cristiana, che per secoli ha nutrito la fede, la vita e la preghiera di chi è venuto prima di noi. Ancora oggi abbiamo fama di infaticabili lettori dell´evangelo, soprattutto agli occhi delle altre confessioni cristiane. Ma un sondaggio condotto in Francia alcuni anni fa ha mostrato una realtà differente: il 9% dei riformati afferma di andare al culto ogni settimana e solo il 17% di leggere la Bibbia almeno una volta a settimana. Ognuno di noi ha dunque a casa uno o più testi biblici, che spesso hanno valore emotivo importante, ma che rimangono ordinatamente conservati nei cassetti o in una libreria. Accanto a una lettura comunitaria estremamente strutturata e definita ( durante il culto, gli studi biblici, le sessioni di catechesi), viene accantonata la lettura "privata", personale, di solito con la motivazione di non possedere gli strumenti per interpretare il testo. Da questa premessa nasce la volontà di porre nuovamente la Bibbia nel cuore della nostra esistenza personale e comunitaria».

Sul come rendere in pratica questi propositi il pastore Morlacchetti vuole partire da cosa già esiste: «si tratta innanzitutto di fare rete per scoprire progetti, iniziative che magari singole realtà di chiesa già conducono. Va costruita una ragnatela di soggetti che hanno a cuore la diffusione del messaggio biblico e con loro studiare azioni di animazione, di approfondimento, per agire e riflettere insieme sulla nostra relazione con la scrittura. Vogliamo dunque mettere insieme esperienze per farle conoscere, condividerle e aiutarci tutti a riscoprire il piacere della lettura della Bibbia». Un sito internet, lirelabible.org sarà il collettore di tutte queste esperienze. Il Sinodo chiuderà i lavori con un culto domenica 13 maggio, durante il quale verranno consacrati 5 nuovi pastori che andranno ad aggiungersi ai 450 che già compongono l´Epudf nelle 460 chiese locali e nei 1100 luoghi di culto sparsi in tutto il Paese.


Fonte: Riforma.it

UN GIORNO UNA PAROLA


G E N N A I O
Versetto del mese:
““Fedele è Dio”
(I Corinzi 1, 9)


Salmo della Settimana: 133


Sabato 25 Gennaio

Non lo sai tu? Non l’hai mai udito? Il Signore è Dio eterno, il creatore degli estremi confini della terra; egli non si affatica e non si stanca; la sua intelligenza è imperscrutabile (Isaia 40, 28)
Or il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e di ogni pace nella fede, affinché abbondiate nella speranza, per la potenza dello Spirito Santo (Romani 15, 30)

Non potremo mai comprendere a fondo il giorno, la vita, la morte, la notte, possiamo solo annunciare colui che su tutto vigila, possiamo solamente onorarlo raccontando le meraviglie compiute dal Signore del mondo e affidarci a colui che sorregge terra e cielo
Arno Pötzsch

Deuteronomio 33, 1-16; I Corinzi 2, 10-16


Il buon combattimento della fede
Commento a I Timoteo 6, 12
Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna alla quale sei stato chiamato e in vista della quale hai fatto quella bella confessione di fede in presenza di molti testimoni

Questo versetto della prima epistola a Timoteo sembra essere scritto per noi: da giovani abbiamo fatto la confermazione, per la quale abbiamo scritto al Consiglio di Chiesa una bella confessione di fede, piena di forza e di entusiasmo. Oppure siamo entrati da adulti in una chiesa nuova, e ci hanno chiesto di motivare il nostro ingresso: e noi lo abbiamo fatto pieni di orgoglio per la scelta fatta, ma anche pieni di gioia e di fiducia. O ancora, abbiamo scoperto il Signore che da molto tempo non incontravamo più e abbiamo ripreso ad andare in chiesa e a pregare. Tutti momenti intensi, ricchi anche di emozioni e di convincimento. Spesso anche ricchi di fede, profonda, vera, genuina.
Ma poi? Poi la vita quotidiana riprende, ci sono le preoccupazioni sul lavoro, la famiglia e la casa da gestire, i momenti di svago da organizzare e da vivere. Le nostre vite sono mediamente pienissime di impegni, di “cose da fare”, di persone da incontrare e cosa resta della nostra fede? Cosa rimane della nostra bella confessione di fede? Probabilmente non abbiamo abbandonato la chiesa e se ce lo chiedono continuiamo ad affermare di essere uomini e donne di fede. Anzi spesso non ci viene neppure chiesto, perché tutti vedono che, sia pur con i limiti imposti dalla “vita moderna” siamo comunque presenti, a differenza di altri, che sono spariti. O addirittura abbiamo degli incarichi nella nostra chiesa. Incarichi a cui ci dedichiamo con impegno.
Ma se ci fermiamo per un momento a riflettere con serietà, stiamo combattendo sul serio il “buon combattimento”? Il faro della nostra esistenza, di ogni suo attimo, di ogni sua decisione, è davvero la fede in Dio? Conduciamo una vita trasformata e illuminata da questo? Abbiamo sul serio afferrato la vita eterna alla quale siamo stati chiamati e abbiamo costruito tutta la nostra esistenza intorno a questa speranza con fiducia sempre rinnovata e nutrita continuamente con la lettura della Parola, con il canto, con la preghiera?
Non è una riflessione facile, al Signore, ovviamente, la risposta, ma ognuno di noi potrebbe da oggi cominciare a interrogarsi sulla qualità del proprio combattimento e pregare il Signore di ricevere la forza e il coraggio per essere davvero fedeli servitori. Amen!
di Erica Sfredda


Preghiera


Signore, tu che ricostruisci ciò che noi distruggiamo,
Ti preghiamo:
ricostruisci la nostra vita.
Ricostruisci le nostre forze
quando le sciupiamo in cose inutili, quando
siamo logori e perdiamo coraggio.
Ricostruisci la nostra fiducia
Quando esitiamo davanti alle tue promesse,
quando ci facciamo vincere dalla confusione e
dall’amarezza, quando dubitiamo di noi stessi
e della nostra capacità di servirti,quando le
difficoltà diventano più grandi
della nostra poca fede.
Ricostruisci le nostre iniziative comuni,
quando l’egoismo le indebolisce,
quando troviamo più confortevole
evitare la fatica di agire
insieme con gli altri,
quando tentenniamo di fronte
agli obiettivi che insieme avevamo
riconosciuto come tua vocazione,
quando cediamo al rancore
e al risentimento,
quando non riusciamo più
a comprenderci pur essendo
membri della stessa chiesa.
Signore ricostruisci la nostra vita: ridonaci forza,
fiducia e iniziativa con l’energia che proviene
dall’unico fondamento,
che è Cristo Gesù. Amen




Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it