23 Agosto 2019

News
percorso: Home > News > News

Il cardinale non molla e rilancia i "dubia" su Bergoglio

07-01-2018 17:26 - News
Il cardinale Brandmueller ha rilanciato i suoi "dubia" attraverso un´intervista ad Armin Schwibach, l´equivalente romano del portale cattolico austriaco Kath.net.


L´esortazione apostolica "Amoris Laetitia" continua a far discutere e così, dopo la "correzione" di tre vescovi kazaki cui hanno aderito anche due prelati italiani, è stato l´anziano porporato, molto amico di Benedetto XVI, a riportare il tema sul tavolo delle questioni irrisolte. Papa Francesco, infatti, ha sì risposto ai "dubia" sollevati da Burke, Meisner, Caffarra e Brandmueller, ma indirettamente: mediante la pubblicazione negli Acta Apostolis Sedis di una lettera inviata all´episcopato argentino in cui ha specificato quale sia l´unica interpretazione possibile sul discusso capitolo ottavo. L´accesso ai sacramenti da parte dei "divorziati risposati", insomma, continua ad essere messo in discussione da una parte di Chiesa cattolica.

Nella citata intervista, Brandmueller ha rimarcato i punti centrali dei "dubia" rivolti a Bergoglio per poi, sostanzialmente, rispondersi da solo. Il pontefice argentino, del resto, non ha mai dato comunicazione di un chiarimento ufficiale relativo alla lettera che i quattro cardinali gli hanno inviato. Brandmueller ha ricordato che le domande poste sono cinque: "Può una persona legata da un vincolo sacramentale in atto e che ora vive con un nuovo partner in una relazione coniugale (AL,N. 305, nota 351) ricevere in certi casi ´assoluzione e comunione? Ci sono comandamenti morali assoluti, rispettivamente, proibizione, che sono vincolanti senza eccezione e in tutte le circostanze (come l´uccisione di una persona innocente)? È ancora vero che chi vive continuamente in stato di adulterio si trova oggettivamente in stato di peccato grave? Ci sono situazioni nella vita che mitigano la responsabilità morale a tal punto che un atto immorale (qui: adulterio) può di conseguenza essere moralmente scusato, o persino giustificato? Può una decisione di coscienza personale permettere eccezioni dall´interdizione assoluta di un atto intrinsecamente immorale?". "Queste cinque domande appartengono ai fondamenti della Fede e dell´insegnamento morale - ha sottolineato il cardinale, che ha chiarito come "Secondo questi fondamenti le domande 1, 4 e 5" debbano "avere come chiara risposta un ´No´, e le questioni 2 e 3 un ´Sì´".

Come ha riportato La Nuova Bussola Quotidiana, nell´ottobre scorso, Brandmueller era arrivato a parlare di scomunica "in relazione a chi pensa che vi possano essere eccezioni per gli adulteri che si accostano ai sacramenti": "Chi sostiene che uno può entrare in una nuova relazione mentre il suo coniuge legittimo è ancora in vita è scomunicato perché questo è un insegnamento erroneo, è un´eresia. Chiunque sostene una cosa simile è scomunicato...Così, se qualcuno pensa di poter contraddire il dogma definito di un Concilio Generale (per esempio il Concilio di Trento), bene, quello è davvero molto violento. Esattamente, quello è ciò che si chiama eresia – e ciò significa esclusione dalla Chiesa – perché uno ha abbandonato i fondamenti comuni della Fede". Ma l´altra grande questione affrontata dal cardinale è quella dialogo ecumenico con la religione protestante. Già dalle pagine de IlGiornale.it, il porporato tedesco aveva espresso forti perplessità rispetto ad alcune dichiarazioni rilasciate da vertici ecclesiastici al riguardo. Nell´intervista al portale austricaro, Brandmueller ha ricordato come Martin Lutero avesse intenzione di "abbattere tre muri": "Il primo muro era il sacerdozio basato sull´ordine sacro; il secondo era il Magistero basato sulla missione data da Gesù Cristo; il terzo era l´esistenza del papato. Che queste tre ´mura´ avessero una solida base biblica non interessava all´irato monaco agostiniano. Ora che ha abbattuto queste tre mura, Lutero vede che l´intero edificio della Chiesa papale è crollato. Dichiarare che questa distruzione totale è "un lavoro dello Spirito Santo" è una dichiarazione assolutamente bizzarra che può essere spiegata con la pura e semplice ignoranza dei testi e dei fatti storici; un´ignoranza che è ancora più sorprendente per un vescovo", ha chiosato il cardinale. Il riferimento è evidentemente diretto a Mons.Galantino, segretario generale della Cei, che nell´ottobre scorso aveva definito la riforma di Lutero come "un´opera dello Spirito Santo".


Fonte: ilgiornale.it

UN GIORNO UNA PAROLA

A G O S T O
Versetto del mese:
Andando, predicate e dite: «Il regno dei cieli è vicino» (Matteo 10,7)


Salmo della settimana: 70

Venerdì 23 Agosto

A te, Signore, la grandezza, la potenza e la gloria, lo splendore, la maestà, poiché tutto quello che sta in cielo e sulla terra è tuo. (I Cronache 29,11)
Tu sei degno, o Signore e Dio nostro, di ricevere la gloria l’onore e la potenza: perché tu hai creato tutte le cose, e per tua volontà furono create ed esistono (Apocalisse 4,11)

Tu sei più d’ogni cosa / Come è possibile cantarti? / Potrà mai la parola celebrarti, se nessuna voce può esprimerti?/ Ogni cosa parla diTe / Ciò che ha voce e ciò che non ha voce / Ogni cosa onora Te / Ciò che ha intelletto e ciò che non ha intelletto / A Te si innalzano i desideri di tutti / A Te le sofferenze di tutti / Tutto il creato supplica Te / quanto comprende il Tuo universo / a Te eleva un inno silenzioso
Gregorio di Nazianzio

Geremia 1, 11-19; Matteo 11, 20-24


Preghiera

Signore nostro, la tua Parola
ci cerca, la tua voce desidera il
nostro cuore per prendere dimora
in noi e da lì poter risuonare
nel mondo. Accogli la nostra
disponibilità, anche se fragile,
anche se piena di contraddizioni,
e vieni ad abitare in noi. Dona
la forza del tuo Spirito, respiro
di vita, che ci sostenga quando
la tua Parola brucia, che ci dia
il coraggio di andare avanti
quando nulla è chiaro, quando senza
te il nostro passo sarebbe troppo
incerto.
Ascoltaci, Signore nostro, nel
nome del tuo figlio Gesù, e donaci
il respiro del tuo spirito Santo.
Amen
da Riforma
del 29 marzo 2019



Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it