01 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News

Il calcio può ancora portare con sé dei valori

16-01-2018 12:13 - News
Roberto Papini: il premio per un video sulla Fiorentina campione d´Italia 1956, ma anche molte idee sul senso dello sport

Roberto Davide Papini, valdese di Firenze e giornalista al quotidiano La Nazione, è fra i vincitori del primo premio «Ghirlanda d´Onore» al 35° Sport movies & TV – Milano international Ficts Fest [www.sportmoviestv.com], una manifestazione che presenta documentari, servizi tv e opere di finzione dedicate allo sport. Si trattava di una sorta di «finale» di 16 altri festival che rappresentano come un campionato mondiale di tv, cinema, cultura e comunicazione sportiva. Papini ha presentato un mediometraggio dal titolo Campioni per sempre – Fiorentina ´55-´56, dedicato alla squadra di Sarti, Julinho e Chiappella, che vinse il primo dei due campionati «in viola». Da questo lavoro abbiamo preso lo spunto per ragionare di calcio e altro...

Dopo lo scudetto 1955/56, quattro secondi posti, ma soprattutto un grande legame umano tra i giocatori: che squadra era quella Fiorentina?
«È una squadra e sono dei giocatori dei quali ho sentito parlare nei racconti di mio nonno e di mio padre, racconti inevitabilmente circondati di leggenda. Non li ho visti giocare se non in qualche spezzone d´epoca, ma ho capito che l´aura di leggenda non era un´esagerazione familiare, o comunque non solo. A Firenze questa squadra è più amata e celebrata di quella che vinse il secondo scudetto, 13 anni dopo. Ancora oggi se parli di Julinho a un tifoso di 30 anni (che certo non può averlo visto giocare) gli brillano gli occhi. Ecco, questo mi fa capire che questa squadra aveva qualcosa in più, dal punto di vista tecnico e umano. Ho avuto la fortuna di conoscere alcuni di loro in occasione di questo lavoro e ho scoperto alcune delle chiavi di quel successo: l´amicizia e la semplicità».

I giocatori intervistati non si sentono né vecchi né reduci, ma tuttora impegnati a lavorare seriamente con l´allenatore. Vincere un campionato e continuare a giocare serve a invecchiare bene?
«Credo che far parte di un gruppo di amici così legati aiuti a vivere (e invecchiare) bene. Purtroppo, però, sono rimasti in pochi».

C´è un riferimento, in un´intervista, all´alluvione del 1966: la città sembra essere stata stregata da quella data scioccante, ma forse le due date insieme spiegano molto di Firenze...
«È stata una tragedia scioccante, un lutto che ancora ogni fiorentino si porta dentro. Ma attraverso la rinascita è stata anche un´occasione per prendere coscienza di quanto sia grande Firenze, di quanto sia amata (la mobilitazione nazionale e internazionale fu commovente) e di quanto i fiorentini (quando vogliono) sappiano essere straordinari».

È fin troppo facile dire, oggi, che quello era calcio d´altri tempi: ma questo film arriva quando il calcio italiano vive una delle crisi più tristi: fuori dai Mondiali, ruolo ingombrante dei procuratori, soldi, sponsor. Eppure siamo sempre lì a seguire il calcio: che cosa ci attira, nello sport con le sue regole, i suoi riti e liturgie? Vale ancora il discorso secondo il quale sarebbero più «puliti» altri sport?
«Non farei un discorso di pulizia, ma di compatibilità, buon senso, di sport a misura d´uomo. Il calcio sta un po´ perdendo le misure, è tutto sovradimensionato, esagerato, gonfiato, gridato. Poi arriva la Svezia e ci rimette al nostro posto, ci spiega che il nostro calcio è mediocre e deve restare (giustamente) fuori dai Mondiali. Nonostante questo il calcio è ancora passione, è identità, è fatto di legami familiari, di vita, di emozioni. È una grande rappresentazione popolare capace di affascinare in modo trasversale: uomini e donne, poveri e ricchi, intellettuali e persone comuni, giovani e vecchi. Però, se tiriamo ancora la corda con lo strapotere di sponsor e tv mettendo al centro solo il business, rischiamo di ammazzare questo sport. Gli stadi sempre più vuoti (e scomodi) sono un segnale da non sottovalutare».

Un ruolo pesante, nell´accentuare le storture (e a volte qualche episodio commovente) è quello della stampa, pettegola e pronta a creare miti eccessivi, sopravvalutando i giovani per poi demolirli altrettanto in fretta. Che cosa non va?
«Ci vorrebbe più equilibrio da parte di tutti noi operatori dei media. Prima di parlare di campioni o di fuoriclasse ci vorrebbe più prudenza, invece oggi sei un fenomeno e domani sei un brocco. In effetti in altri sport c´è un maggiore equilibrio da parte di stampa e tv».

Alcuni atleti oggi si fanno il segno della croce; altri, evangelici di varia provenienza, soprattutto latinoamericana o africana, pregano e si rivolgono al cielo dopo un goal: è facile che si guardi a loro con paternalismo, ma siamo molto meglio noi «disincantati»?
«Io guardo ogni manifestazione religiosa con eguale rispetto, soprattutto quando non è superstizione, ma è qualcosa di più profondo. In generale, il fatto che dei ragazzi giovani, ricchissimi e popolarissimi trovino il tempo e sentano il bisogno di ringraziare Dio in maniera esplicita a me fa piacere e, in una certa misura, è una piccola forma di testimonianza. Chissà, se lo facessimo più spesso anche noi in ufficio, per strada o in famiglia, non sarebbe male, no?».



Fonte: Riforma.it
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

O T T O B R E
Versetto del mese:
“Cercate il bene della città dove io vi ho fatti deportare,
e pregate il Signore per essa;
poiché dal bene di questa dipende l vostro bene”
(Geremia 29,7)


Salmo della settimana : 125



Giovedì 1° Ottobre

Poiché il tuo cuore è stato toccato, poiché ti sei umiliato davanti a Dio, anch’io ti ho ascoltato, dice il Signore (II Cronache 34,27)
Paolo scrive:«Io sono il minimo degli apostoli, e non sono degno di essere chiamato apostolo, perché ho perseguitato la chiesa di Dio. Ma per la grazia di Dio io sono quello che sono» (I Corinzi 15,9-10)

Ti prego di venire nel mio cuore, perché ispirandolo a desiderarti tu lo rendi pronto a riceverti.
Agostino di Ippona


Esodo 23, 20-27; II Corinzi 12, 1-10





Preghiera

Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell’iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po’ di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.
Ediz. Paoline




Eventi
[<<] [Ottobre 2020] [>>]
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it