23 Luglio 2021
News
percorso: Home > News > Ecumenismo

Il 3 marzo si celebra la Giornata mondiale di preghiera

03-03-2017 09:19 - Ecumenismo
Quest´anno il materiale liturgico omiletico è stato preparato dalle donne delle Filippine che hanno preso come testo biblico di base la parabola dei lavoratori delle diverse ore per riflettere sui temi della giustizia, della povertà e delle diseguaglianze economiche

"Sono ingiusto con voi?" E´ questo il tema, ispirato alla parabola dei lavoratori delle diverse ore (Matteo 20), scelto dalle donne delle Filippine per la Giornata mondiale di preghiera (GMP) 2017. Come ogni anno, il primo venerdì di marzo in oltre 170 paesi del mondo si terranno culti e incontri di preghiera ecumenici a cui parteciperanno donne e uomini di ogni cultura e tradizione.

Nel materiale liturgico-omiletico e informativo preparato per l´occasione, le donne filippine invitano a riflettere sulla diseguaglianza economica, le ingiustizie e la povertà. Nella celebrazione, alcune figure femminili raccontano la vita di tante donne e ragazze filippine vittime di violenza domestica o della tratta; di lavoratrici domestiche costrette a migrare all´interno del paese o all´estero; di donne con profonde ferite. Davanti a tanta sofferenza, la giustizia economica di Dio si pone in netto contrasto con l´economia guidata dai potenti della terra. Quella divina è un´economia dell´equità, per offrire una vita dignitosa a tutti.

Le donne filippine presentano il dagyaw, un modo di lavorare in comune e reciprocamente i campi, e di partecipare in modo equo alla raccolta. Pratica molto frequente tra gli agricoltori biologici, il dagyaw è "una buona prassi per costruire e mantenere una comunità, una dimostrazione di compassione e cura reciproca. Forse è questa la chiave per una risposta collettiva alla domanda: "Sono ingiusto con voi?", dicono le donne filippine.

In Italia la Giornata mondiale di preghiera è organizzata da un comitato ecumenico presieduto da Elaine Cavanagh, maggiore dell´Esercito della salvezza. Nei diversi culti ecumenici che si terranno in Italia, le collette sono finalizzate al sostegno del progetto "Scuola materna" nel quartiere Mabolo della città di Cebu, nelle Filippine. La scuola è gestita dal Centro "Bukas Palad" (che in filippino significa "mani aperte") del movimento dei Focolari.

L´istituzione della Giornata mondiale di preghiera delle donne risale al 1887 negli Stati Uniti, dove un gruppo di donne presbiteriane – preoccupate per i bisogni delle immigrate e delle ex-schiave – lanciò un appello per una giornata nazionale di preghiera. Il movimento si espanse rapidamente in altri paesi, fino a diventare mondiale.


Fonte: NEV - notizie evangeliche
UN GIORNO UNA PAROLA
2021
L U G L I O
Versetto del mese
Affinché cerchino Dio, se mai giungano a trovarlo,
come a tastoni, benché egli non sia lontano da ciascuno di noi

(Atti degli apostoli 17, 27)


Salmo della settimana: 9


Venerdì 23 Luglio

Gli occhi miei prevengono le veglie della notte, per meditare la tua parola (Salmo 119, 148)
Maria serbava in sé tutte queste cose, meditandole in cuor suo (Luca 2,19)

La parola giusta viene dal silenzio e il silenzio giusto viene dalla Parola
Dietrich Bonhoeffer


Luca 22, 14-20; Atti degli apostoli 23, 1-11














Preghiera




Poiché le tue parole, mio Dio,
non sono fatte per rimanere inerti nei nostri libri,
ma per possederci e per correre il mondo in noi,
permetti che, da quel fuoco di gioia da te acceso,
un tempo, su una montagna,
e da quella lezione di felicita,
qualche scintilla ci raggiunga e ci possegga,
ci investa e ci pervada.
Fa che come fiammelle nelle stoppie
corriamo per le vie della città,
e fiancheggiamo le onde della folla,
contagiosi di beatitudine, contagiosi della gioia

Madeleine Delbrel

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
keyboard_arrow_left
Luglio 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Luglio 2021
L M M G V S D
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it