22 Gennaio 2019
[]

News
percorso: Home > News > News

Gerusalemme città santa?

21-03-2018 19:11 - News
Gerusalemme, la città che chiamano "tre volte santa", è uno dei luoghi più esplosivi del mondo, come un concentrato di odio, collera e antagonismo

Nessuna città può pretendere di essere santa, né alcun luogo, né alcun popolo. Perché non vi è che la santità individuale, personale, spirituale. Dio, se esiste, ha dato un´anima a ciascuno di noi. Ma non ho letto da nessuna parte che abbia dato un´anima a una qualsiasi città. Come potrebbe una città essere santa? Si parla a volte dell´anima di un luogo. Ma non è che metafora o superstizione. Tanto vale adorare gli idoli o le reliquie.

Ama il tuo prossimo
Lo spirito del monoteismo è il contrario: "Adorerai un solo Dio" e Dio soltanto. Così come lo spirito dell´umanesimo: "È consentito adorare soltanto l´uomo", diceva Alain, e meglio ancora, aggiungerei io, amarlo come individuo (il prossimo, nella sua fragilità e concretezza) che adorarlo come astrazione (l´Uomo o l´umanità). "Amerai il prossimo tuo come te stesso". E chi vorrebbe adorare se stesso? Chi potrebbe adorare il suo prossimo, vale a dire chiunque? Fagli piuttosto del bene, quando puoi, come ne fai legittimamente a te stesso.

Il buon Samaritano
Rileggete la parabola del buon samaritano, sulla quale tutti possono essere d´accordo. I samaritani si distinguevano dai giudei in quanto rifiutavano la centralità religiosa di Gerusalemme: preferivano pregare in direzione del monte Garizim, che non è migliore né è da meno e conferma ciò che vi è di relativo e di casuale in questi dati di geografia religiosa o presunta sacra. Gesù, incontrando una samaritana, lo riconosce a modo suo. "I nostri padri hanno adorato su questo monte", gli dice lei, "e voi giudei dite che a Gerusalemme è il luogo dove bisogna adorare". E Gesù risponde: "Credimi, donna, è giunto il momento in cui né su questo monte, né in Gerusalemme adorerete il Padre". A questo riguardo nessuno è tenuto a seguirlo, ma ognuno può meditarne la lezione. Ha poca importanza dove preghi o in quale direzione. Preoccupati piuttosto del contenuto della tua preghiera e ancora di più del tuo prossimo.

Non c´è una città santa. Ci sono invece città storiche, simboliche, che appartengono più di altre, o più preziosamente, a ciò che l´Unesco chiama "patrimonio mondiale dell´umanità". E ne vedo poche che possano pretendere di esserlo più di Gerusalemme. In Occidente vi aggiungerei senz´altro Atene: chiunque sa che queste due città sono come i due poli della nostra civiltà - l´una simbolo della Rivelazione ebraica e l´altra della Ragione greca - di cui l´impero romano compirà, dapprima mediante la spada, la difficile e sempre problematica sintesi. E di sicuro, se fossi obbligato a scegliere tra le due, non avrei esitazioni: il mio cuore e la mia mente opterebbero per l´Acropoli. Ma non c´è da scegliere ed è ciò che Roma, altra città presunta santa e storicamente decisiva, non smette di ricordarci.

Rivelazione e ragione
La Rivelazione non vieta di riflettere, né ce ne dispensa. La Ragione non vieta di credere, né basta a se stessa. E né l´una né l´altra prendono il posto dell´amore, della morale o della politica. Da qui nasce una continua tensione tra ciò che la ragione conosce, ciò che la fede o la fedeltà prescrive, ciò che la legge autorizza o vieta. Sono come tre organi, che non si possono confondere né ripiegare completamente l´uno sull´altro. È questo che la laicità ci ricorda e che Gerusalemme potrebbe simboleggiare: lo scarto irriducibile tra fede, ragione e diritto e allo stesso tempo la loro necessaria convivenza. Significa anche che la legge, a Gerusalemme come altrove, deve prevalere collettivamente. Che i cristiani preghino per la pace, in qualsiasi luogo lo facciano, è quello che ci auguriamo. Ma non sarà sufficiente a realizzarla. (da Monde des religions; trad. it. G. M. Schmitt)


Fonte: voceevangelica.ch

UN GIORNO UNA PAROLA

SABATO 19 GENNAIO

Il Signore degli eserciti ha fatto questo piano; chi potrà frustrarlo? La sua mano è stesa; chi gliela farà ritirare? (Isaia 14, 27)

Se Dio è per noi chi sarà contro di noi? (Romani 8, 31)

Sei sempre più grande, o Dio, delle nostre timide aspettative. Tu compi cose nuove e inimmaginabili. Quando intorno a noi un mondo crolla, Tu fai sorgere la tua nuova creazione.
Frans Cromphout

Matteo 6, 6-13; Genesi 11, 1-9

Eventi

[<<] [Gennaio 2019] [>>]
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
23-01-2019 - eventi
[ continua ]
24-01-2019 - eventi
[ continua ]

PREGHIERA

."Signore, mi offri questo nuovo anno come una vetrata da assemblare, con trecentosessantacinque pezzi di tutti i colori che rappresentano i giorni della mia vita. Inserirò il rosso del mio amore e del mio entusiasmo, il viola delle mie pene e dei miei lutti, i verde delle mie speranze ed il rosa dei miei sogni; il blu o il grigio dei miei impegni e delle mie lotte, il giallo e l'oro dei miei raccolti... Serberò il bianco per i giorni ordinari.... ed il nero per quelli in cui mi sembrerai assente! Salderò il tutto con la preghiera della mia fede e con la serena fiducia in Te. Signore, ti chiederò soltanto di illuminare dall'interno questa vetrata della mia vita, per mezzo della luce della tua presenza e per mezzo del fuoco del tuo Spirito di Vita. Così, in trasparenza, coloro che incontrerò quest'anno, vi scopriranno, forse, il volto del tuo Figlio Beneamato, Gesù Cristo, il nostro Signore. Amen!" (La vetrata della mia vita, in Spalanca la Finestra)

Foto gallery

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata