26 Luglio 2021
News
percorso: Home > News > Documenti

Evangelizzare: riflessioni scettiche... ... di un sostenitore convinto dell´evangelizzazione, intorno a tre coppie di aggettivi Pawel Gajewski*

09-05-2014 20:58 - Documenti
«Perché se evangelizzo, non debbo vantarmi, poiché necessità me n´è imposta; e guai a me, se non evangelizzo» (I Corinzi 9, 16). Rileggo spesso questo versetto di Paolo. Lo considero un punto di riferimento imprescindibile per il mio ministero. Intorno a questo versetto vorrei tessere alcuni spunti di riflessione sulla Settimana dell´evangelizzazione e sull´intero progetto di cui la settimana fa parte. Se potessi scegliere un titolo per questo contributo, lo intitolerei «Riflessioni scettiche di un sostenitore convinto dell´evangelizzazione». Tale immaginario titolo è ispirato al libro di Peter Berger Questioni di fede. Una professione scettica del cristianesimo (Il Mulino, Bologna, 2005). Scetticismo e professione di fede non sono, per Berger, in contraddizione. Il suo ragionamento è scettico perché non presuppone la fede altrui come qualcosa di ovvio e non si sente vincolato a nessuna delle tradizionali autorità in materia di fede: il magistero infallibile, la Scrittura attendibile o un´irresistibile esperienza personale. Nondimeno, il ragionamento di Berger diventa una convinta e appassionata professione della fede cristiana.

La trama di questi miei appunti è costruita su tre coppie di aggettivi: straordinario/ordinario; esterno/interno, evangelico/protestante. Non lego questi aggettivi con alcun tipo di congiunzione; si può interpretarli in chiave alternativa o complementare. Personalmente sono a favore della complementarietà, ben volentieri ammetto tuttavia la piena legittimità delle altre interpretazioni.

Straordinario/ordinario. La Settimana di evangelizzazione 2014 è indubbiamente un evento straordinario. Si spera e si auspica però che diventi un appuntamento fisso nell´agenda pastorale delle nostre chiese. Mi viene in mente il paragone con un´altra settimana che ormai da decenni fa parte dei nostri impegni fissi: la Settimana di preghiera per l´unità dei cristiani. Succede spesso (ma per fortuna non sempre) che l´intero impegno ecumenico di una chiesa si riduca a un culto o un incontro celebrato durante la «settimana ecumenica». Sono convinto che lo straordinario (una giornata, una settimana, un anno o una decade particolari) debba nutrirsi dell´ordinario. L´annuncio esplicito dell´Evangelo è il primario e il più ordinario degli ordinari compiti dell´intera Chiesa di Gesù Cristo e di ogni persona che dichiara di appartenere a questa chiesa. In questo senso la Settimana di evangelizzazione sarà dunque lo specchio e la cartina al tornasole del nostro impegno ordinario, quotidiano nel campo dell´annuncio dell´evangelo.

Esterno/interno. La sfida della Settimana sta nell´auspicato e auspicabile confronto con gli spazi esterni ai nostri locali di culto; la piazza o l´agorà, per usare un termine di forte carica simbolica (cfr. Atti 17, 17). Mi chiedo tuttavia se la celebrazione del culto in una piazza oppure un flash mob siano sufficienti e non rischino di diventare una specie di happening estemporaneo senza seguito. Ho la sensazione che oggi l´agorà sia da collocare in primo luogo nella dimensione di Facebook, Twitter e simili, e in secondo luogo soltanto in quella di un mercato rionale. C´è però un altro interrogativo su cui soffermarsi: siamo proprio sicuri che nelle nostre chiese non ci sia bisogno di un´evangelizzazione interna, vale a dire di un serio approfondimento delle basi della fede cristiana?

Evangelico/protestante. Talvolta questi termini sono considerati sinonimi. In realtà però non è sempre così. L´evangelizzazione intesa come un progetto straordinario da realizzare principalmente all´esterno dei nostri locali di culto è una cosa che indubbiamente assomiglia a simili iniziative che le chiese «altre» praticano abbastanza frequentemente. Con le «altre» intendo le chiese di matrice risvegliata o pentecostale che spesso nel nostro parlare finiscono nella categoria «evangelicali». Rispetto e stimo gli evangelicali per la loro determinazione e bravura nel testimoniare la fede cristiana, spesso in forme assai creative. Devo però ammettere che, pur confessando lo stesso Signore Gesù Cristo, noi e loro non annunciamo sempre ed esattamente lo stesso messaggio. Queste differenze sono particolarmente marcate nel campo dell´etica e dell´ecclesiologia. Credo dunque che per il futuro dell´evangelizzazione in Italia sarà fondamentale la piena collaborazione tra chiese sorelle che si riconoscono nella dimensione del protestantesimo storico. Prima di tutto con le Chiese dell´Unione battista (Ucebi) con cui siamo in piena comunione. Senza dimenticare tuttavia la Comunione di chiese protestanti in Europa (Ccpe) (la Concordia di Leuenberg fa parte delle fonti del nostro ordinamento). Già nel 2006 la Ccpe ha approvato un denso documento di studio intitolato in tedesco Evangelisch Evangelisieren (evangelizzare evangelicamente). La tesi centrale di questo documento è che le forme di evangelizzazione devono essere in sintonia con il messaggio che si vuole trasmettere. In altre parole è il messaggio a determinare la forma in cui lo si comunica. Penso che da noi in Italia in questo campo molto è stato già fatto, e anche bene. Tanto però rimane ancora da fare «poiché necessità me n´è imposta».

* pastore valdese, Firenze

( 6 maggio 2014)
UN GIORNO UNA PAROLA
2021
L U G L I O
Versetto del mese
Affinché cerchino Dio, se mai giungano a trovarlo,
come a tastoni, benché egli non sia lontano da ciascuno di noi

(Atti degli apostoli 17, 27)


Salmo della settimana: 11


Domenica 25 Luglio
Ora siete luce nel Signore. Comportatevi come figli di luce, poiché il frutto della luce consiste in tutto ciò che è bontà, giustizia e verità (Efesini 5, 8-9)


Difendete la causa del debole e dell’orfano, fate giustizia all afflitto e al povero! (Salmo 82, 3)
Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e in verità (I Giovanni 3, 18)

In primissimo ordine dovremmo volgere il nostro zelo all amore in sé, che è il fine di ogni comandamento divino e l adempimento di tutta la legge. La chiesa, gli ordinamenti, le opere esteriori di ogni genere, perfino tutte le sante disposizioni dell animo sono inferiori a esso, e crescono di valore solo a mano a mano che si avvicinano; questo è dunque il nobile oggetto dello zelo cristiano. Che ogni sincero credente lo dedichi al Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo con tutto il fervore dello spirito, affinché il suo cuore possa espandersi nell amore di Dio e per tutto il genere umano, e tutto il suo agire sia solo questo correre verso la meta per ottenere il premio della celeste vocazione di Dio in Cristo Gesù.
John Wesley


Matteo 5, 13-16; Efesini 5, 8b-14; Isaia 2, 1-5














Preghiera




Poiché le tue parole, mio Dio,
non sono fatte per rimanere inerti nei nostri libri,
ma per possederci e per correre il mondo in noi,
permetti che, da quel fuoco di gioia da te acceso,
un tempo, su una montagna,
e da quella lezione di felicita,
qualche scintilla ci raggiunga e ci possegga,
ci investa e ci pervada.
Fa che come fiammelle nelle stoppie
corriamo per le vie della città,
e fiancheggiamo le onde della folla,
contagiosi di beatitudine, contagiosi della gioia

Madeleine Delbrel

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
keyboard_arrow_left
Luglio 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Luglio 2021
L M M G V S D
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it