08 Aprile 2020
News
percorso: Home > News > Sinodo

Eutanasia e suicidio assistito: il testo all´esame delle chiese locali

26-08-2017 11:53 - Sinodo
Il Sinodo ha recepito il documento redatto dalla Commissione bioetica delle chiese battiste, metodiste e valdesi in Italia

Un dibattito circoscritto a un´ora ha portato al recepimento, da parte del Sinodo, del documento «È la fine per me l´inizio della vita». Eutanasia e suicidio assistito: una prospettiva protestante. Il testo, che è stato reso pubblico alcuni mesi fa e va ora allo studio alle singole comunità locali, che potranno far pervenire le loro osservazioni nel corso dell´anno ecclesiastico 2017/18, è stato redatto dalla Commissione bioetica delle chiese battiste, metodiste e valdesi in Italia.

La Commissione, in virtù della propria composizione, si è valsa di competenze diverse: teologiche e bibliche innanzitutto, ma anche mediche, filosofiche e giuridiche; il testo, approvato a maggioranza nella primavera scorsa, è stato presentato dal prof. Luca Savarino, che ne ha illustrato lo spirito. Rispetto a un precedente testo in materia di eutanasia, presentato nel 1998, molto è cambiato perché cambiato è lo «sfondo»: non è più solo sui malati terminali oncologici che si concentra l´attenzione, ma anche su altre patologie (in primo luogo quelle degenerative); ma si pensa anche alle difformità in cui si mettono in opera le cure palliative: l´Italia funziona un po´ «a macchia di leopardo», ha detto Savarino, non a tutti sono date le stesse possibilità di curarsi e di alleviare le sofferenze. Esiste un testo di riferimento di alcuni anni fa, il documento della Comunione di Chiese protestanti in Europa (pubblicato dall´editrice Claudiana con il titolo Un tempo per vivere e un tempo per morire, 2012), che evidenzia una netta separazione tra gli atti di cessazione di cure (il «lasciar morire») e una procedura «attiva» che provochi la fine della vita. Una distinzione che alla maggior parte dei componenti la Commissione sembra da rivedere, alla luce dei cambiamenti di cui sopra.

Dopo una breve discussione l´ordine del giorno votato ha sancito l´avvio del testo alle comunità locali.

Riforma online ha ripreso un´intervista del sito della Tavola valdese a Luca Savarino, che illustra il documento. Il documento stesso è sintetizzato.


Fonte: Riforma.it

UN GIORNO UNA PAROLA

A P R I L E
Versetto del mese:
“Il corpo è seminato corruttibile e risuscita incorruttibile”
I Corinzi 15, 42



Salmo della Settimana: 88

Mercoledì 8 Aprile


Rendimi la gioia della mia salvezza e uno spirito volenteroso mi sostenga (Salmo 51,12)
La vostra tristezza sarà cambiata in gioia (Giovanni 16,20)

Voglio cantare notte e giorno la tua amabilità e, per quanto potrò, donarti me stesso come offerta gioiosa. La mia vita possa trascorrere nel Tuo nome in perenne gratitudine. E il bene che Tu mi hai fatto voglio imprimerlo, più profondamente possibile, nella mia mente.
Paul Gerhardt

Luca 22, 1-6; Marco 15, 1-15



Perché siete così paurosi?
commento a: Marco 4, 40
“Egli disse loro: “Perché siete così paurosi? Non avete ancora fede?”


Gesù chiede ai discepoli di attraversare il lago e si addormenta. Mentre i discepoli remano, sopraggiunge la burrasca ed essi colti dalla paura lo svegliano gridando. Di qui il rimprovero di Gesù, che avviene dopo aver calmato la tempesta.
Questa narrazione è una metafora. L’esperienza umana è un viaggio sul mare della vita, in cui, a periodi di tranquillità e di facile navigazione, si alternano correnti contrarie, venti violenti, burrasche.
La sensazione – per molti oggi – è che, nonostante le nostre grida il Signore non si svegli.
Ci si sente stretti tra due immagini di Dio. Quella deista, rafforzata dalle grandi scoperte delle scienze astronomiche, di un Dio grande orologiaio che ha costruito un meccanismo meraviglioso, ma non ha interesse per gli umani, e il Dio di Gesù che conosce perfino il numero dei capelli del nostro capo (Matteo 10, 30).
E ci vengono in mente le parole di Elia ai profeti di Baal: “Gridate forte, poiche Egli è dio, ma sta meditando, oppure è indaffarato o è in viaggio, può anche darsi che si è addormentato e si risveglierà” (I Re 18, 27).
Ma dimentichiamo le nostre responsabilità. Ci siamo sottratti al nostro compito di custodi della natura e questa si è ribellata. Dov'è Dio al tempo del virus, ci chiediamo. Ma Dio ci ha preceduto nelle domande: “Dove sei?”, chiede ad Adamo, “Dov'è tuo fratello” chiede a Caino. A queste domande dobbiamo ancora oggi rispondere, prima di accusare Dio di non ascoltarci.
Uniamo i due aspetti di Dio che abbiamo indicato e assumiamoci le nostre responsabilità. Molte calamità naturali ci colpiscono per la nostra insipienza nell'abitare, nel costruire, nel coltivare, nel vivere. Abbiamo le capacità per approfondire le nostre conoscenze nel campo della salute e dobbiamo capire finalmente dove impegnarci, dove investire invece di buttare energie, idee, denaro nelle guerre, nelle sopraffazioni, negli attentati al nostro pianeta.
Gridiamo, sì, ma remiamo più forte e nella direzione giusta.

Emmanuele Paschetto


Preghiera


Padre, fonte amoroso della vita e della speranza,
ti preghiamo per ogni fratello che geme e piange,
per quanti non riusciamo a confortare;
dona a tutta la gente che soffre, al tuo popolo di miseri e di poveri,
forza nella tribolazione e fiducia nei giorni dell’angoscia.
Concedi a loro e a tutti noi, rinvigoriti dalla tua parola di speranza,
di giungere all’alba della gioia e della resurrezione.

Ravasi



Eventi

[<<] [Aprile 2020] [>>]
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it