23 Agosto 2019

News

Dire grazie per le piccole cose

06-05-2015 18:34 - Bibbia e attualità
Mangerete a sazietà e loderete il nome del Signore, vostro Dio
(Gioele 2, 26)
Dio non ha lasciato se stesso privo di testimonianza, facendo del bene, mandandovi dal cielo pioggia e stagioni fruttifere, dandovi cibo in abbondanza, e letizia nei vostri cuori
(Atti degli apostoli 14, 17)
È difficile dire grazie per le piccole cose. È difficile dire grazie per quelle cose che consideriamo scontate, perché fanno parte della nostra quotidianità, perché pensiamo che sia assolutamente normale averle o riceverle. Non si tratta necessariamente di ingratitudine, semplicemente non ci si pensa.
La Scrittura mette in luce il ruolo fondamentale della gratitudine per chi crede in Dio. Un cuore ingrato è, molto spesso, un cuore incredulo. Riconoscere la bontà di Dio significa saper ringraziare per quanto di buono si riceve nella propria vita. Chi dice grazie non rimane ricurvo in se stesso, ripiegato sull´idea che tutto dipenda da lui e da lui soltanto. Dire grazie significa accettare che una mano più alta e più forte agisce nella nostra vita. Anche in quelle cose che consideriamo scontate.
Le parole bibliche per questo giorno mostrano che la gratitudine vale prima di tutto per quanto ogni giorno dà forza e sostenta il nostro corpo. Nell´Antico Testamento la pienezza della vita è anche e proprio poter godere del buon cibo che ci dà gioia. Anche in questo modo, come il libro degli Atti degli Apostoli riconosce esplicitamente, Dio testimonia la sua benevolenza nei confronti dei suoi figli.
Ringraziare per il cibo non è quindi un gesto egoista di chi non pensa a quanti, in quel momento, non possono godere della medesima abbondanza; è piuttosto il gesto di chi riconosce che anche quei doni particolari non possono essere considerati come qualcosa di scontato. Purtroppo, non per tutti "il pane quotidiano" è realmente tale. Dire grazie per quel cibo che riceviamo è un modo per non vivere nell´egoismo.


Fonte: riforma.it

UN GIORNO UNA PAROLA

A G O S T O
Versetto del mese:
Andando, predicate e dite: «Il regno dei cieli è vicino» (Matteo 10,7)


Salmo della settimana: 70

Giovedì 22 Agosto

Egli era strappato dalla terra dei viventi e colpito a causa dei peccati del mio popolo? (Isaia 53, 8)
Considerate perciò colui che ha sopportato una simile ostilità contro la sua persona da parte dei peccatori, affinché non vi stanchiate perdendovi d’animo (Ebrei 12,3)

Dobbiamo svuotare Dio della sua divinità per amarlo. Egli si è svuotato della sua divinità diventando uomo, poi della sua umanità diventando cadavere (pane e vin), materia. E’ necessario amare Dio attraverso le proprie gioie, attraverso la propria sventure, attraverso i propri peccati (passati). E’ necessario amarlo attraverso le gioie, le sventure, i peccati degli altri uomini e senza condizione.
Simone Weil

I Corinzi 9, 16-23; Matteo 11, 1-19


Preghiera

Signore nostro, la tua Parola
ci cerca, la tua voce desidera il
nostro cuore per prendere dimora
in noi e da lì poter risuonare
nel mondo. Accogli la nostra
disponibilità, anche se fragile,
anche se piena di contraddizioni,
e vieni ad abitare in noi. Dona
la forza del tuo Spirito, respiro
di vita, che ci sostenga quando
la tua Parola brucia, che ci dia
il coraggio di andare avanti
quando nulla è chiaro, quando senza
te il nostro passo sarebbe troppo
incerto.
Ascoltaci, Signore nostro, nel
nome del tuo figlio Gesù, e donaci
il respiro del tuo spirito Santo.
Amen
da Riforma
del 29 marzo 2019



Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it