01 Agosto 2021
News

Dio vede nel segreto

24-10-2013 10:19 - Bibbia e attualità
Dio non vede con i nostri occhi. Non vede con gli occhi del senso comune, dell´opinione pubblica, nemmeno con gli occhi della chiesa. Dio vede con i suoi occhi, che vedono quello che nessun altro occhio può vedere Emanuele Fiume

Gesù annuncia che il Regno di Dio è lì dove nessuno l´ha ancora cercato. È dei poveri in spirito, è dei perseguitati a causa di giustizia. Non è al centro del regno del mondo, ma alla dimenticata periferia di questo mondo. E soprattutto, il regno di Dio non è evidente, ma nascosto. Così, chi fa l´elemosina per Dio, la fa per il suo regno, e lo fa nel segreto. Non lo fa in pubblico, non lo fa nemmeno nell´intimità di se stesso. Lo fa per Dio solo, e attende il giudizio, la giustizia e la ricompensa del regno di Dio.

Gesù insegna a non praticare opere di giustizia per essere notati dagli altri,

Gesù insegna a non praticare opere di giustizia per essere notati dagli altri, come alcuni che fanno l´elemosina facendo suonare le trombe. Questo è diventato un modo di dire popolare, ma si riferisce all´atto di mettere manciate di monete negli imbuti metallici della raccolta delle offerte attorno al tempio di Gerusalemme. Questi imbuti erano chiamati «trombe», per la loro forma, e finivano nella cassettina. «Far suonare la tromba» voleva dire mettere molte monete. Queste sono le offerte o le buone azioni fatte alla luce delle telecamere e non sono dirette a Dio, ma al pubblico. Non si tratta soltanto di denaro, ma di tutte quelle buone opere di solidarietà che finiscono in pasto al pubblico. Non si tratta necessariamente di cattiva fede, ma di stabilire per chi veramente fai del bene. Se lo fai per il pubblico, allora non lo puoi e non lo devi fare di nascosto. E allora l´opera buona non ti serve per il regno dei cieli, ma per il regno del mondo, non ti serve per essere approvato da Dio, ma osannato dagli altri uomini. Allora non aspetti la ricompensa del regno di Dio, ma ottieni tutto subito. Ottieni l´applauso ora, e domani tutti si sono dimenticati di te. Questo è il potere del regno del mondo, quel regno che si vede e che ricompensa immediatamente chi lo serve. Il regno che ha una totale evidenza, ma che non nasconde nessuna speranza e nessuna aspirazione. Gesù dice addirittura: «Non sappia la tua sinistra quel che fa la tua destra», cioè non nascondere le tue buone opere solo agli altri, ma nascondile anche a te stesso. Anche questa parola è stata storpiata dalla privacy dell´avarizia: nessuno deve sapere quanto poco do di contribuzione alla chiesa. Così ho abilmente trasformato il versetto che adesso suona così: «Non sappia la tua sinistra quel che non fa la tua destra». Tu sai di essere avaro, e pensi che gli altri non lo debbano sapere. Vorresti conservare il tuo peccato con il placet della parola di Gesù.

Ma la parola di Gesù è giustificazione del peccatore e non del peccato

Ma la parola di Gesù è giustificazione del peccatore e non del peccato. Quindi questo versetto non appoggia l´elemosina anonima, se non quell´elemosina che deve essere anonima per chi la fa. Se la mano sinistra non sa quanto dà la destra, allora tu stesso ti sei dimenticato dell´elemosina che hai fatto. Non è importante che gli altri sappiano o non sappiano che hai dato, non è nemmeno importante che tu sappia che hai dato, è importante soltanto che lo sappia Dio. Una storiella ebraica dice che tutto il bene fatto che noi ricordiamo, Dio se lo dimentica, ma tutto il bene fatto che noi dimentichiamo, Dio se lo ricorda. Se una mano non sa quello che fa l´altra, allora ci dimentichiamo subito del bene che facciamo e lo affidiamo al ricordo di Dio. «Segreto» non vuol dire «intimo». L´intimo è il luogo in cui siamo soli con noi stessi, il segreto invece è il luogo dove Dio ci vede. «Non sappia la tua sinistra quel che fa la tua destra», condividi in segreto e dimenticatene, perché Dio solo lo può custodire. Dio vede nel segreto ciò che viene fatto nel segreto. Questo vuol dire che gli occhi di Dio non sono lì dove sono gli occhi degli altri. Dio vede dove nessun altro vede. Ciò significa prima di tutto che Dio non vede con i nostri occhi. Non vede con gli occhi del senso comune, dell´opinione pubblica, nemmeno con gli occhi della chiesa. Dio vede con i suoi occhi, che vedono quello che nessun altro occhio può vedere. Cioè, Dio vede la motivazione di un gesto, Dio legge l´origine e il fine di ciò che facciamo. Ogni parola, ogni gesto e ogni pensiero di riconoscenza che passa nella nostra vita è conosciuto da Dio, è approvato e ricordato. Dio vede nel segreto, e nulla di ciò che è buono sarà perso, ma tutto avrà la sua ricompensa. Quando crediamo di essere sovraccarichi di meriti, quando siamo tanto attivi Dio vede nel segreto e vede l´essenziale; quando siamo immobilizzati su un letto Dio è l´unico che può leggere fino in fondo le speranze segrete del nostro cuore. Il segreto è il luogo in cui Dio incontra la parte autentica di noi, quella parte che solitamente è nascosta anche a noi stessi, quella parte che lo riconosce e che lo attende.

Il contrasto tra evidenza, intimità e segreto permane tuttora.

Il contrasto tra evidenza, intimità e segreto permane tuttora. Il denaro, fortissimo totem, fa da cartina di tornasole a questo contrasto che è evidente anche oggi, se stiamo attenti. Se qualcuno dona milioni di dollari in beneficienza, tutti ne parlano, e nelle banche c´è la striscia che delimita la distanza di corte­sia. Ora, qual è l´ambito della presenza di Dio, qual è l´ambito autentico in cui la nostra vita viene guardata, giudicata e ricompensata secondo giustizia? Tre ambiti possibili. Il pubblico, cioè l´evidenza, l´applauso immediato, questo è il premio che ne hanno. Non perché sia falso, ma proprio perché è tutto evidente: battuta e applauso, e tutto è compiuto! Non sono l´evidenza e la curiosità l´occhio che darà il giudizio vero sulla nostra vita. L´intimità? Il nostro giardino interiore? No, perché l´intimità è solitudine, e la solitudine si trasforma presto in un inferno. Dove vi è una solitudine interiore, lì c´è sofferenza e pericolo. Guardati allo specchio spirituale, guarda che cosa ti mostra. Come dovresti essere e come sei, come avresti voluto essere e come sei. Davanti a te, nello specchio spirituale, non trovi altri che un accusatore e un nemico. Il nostro cuore ci può condannare, ed è una condanna spaventosa. Ma se il nostro cuore ci condanna, Dio è più grande del nostro cuore e conosce ogni cosa (I Giovanni 3, 20). E dov´è che Dio giudica la nostra opera, la nostra vita? Nel segreto. In quel segreto in cui Dio ci vede e in cui attendiamo il suo regno e la sua ricompensa. Quel segreto che Dio solo conosce e può farci conoscere.

Il Padre ci vede nel segreto, ci rivela chi veramente siamo

Il Padre ci vede nel segreto, ci rivela chi veramente siamo e nasconde la nostra vita in lui per manifestarla e per ricompensarla nel giorno eterno del suo regno. E davanti a questo segreto del regno c´è la nostra fiducia nella presenza di Dio che ci vede, ma c´è anche il nostro desiderio di vedere il suo regno, la sua giustizia, la sua ricompensa. «Il Padre tuo te ne darà la ricompensa». Darà è coniugato al futuro. Il segreto è un luogo di attesa. Rimettiamo la nostra elemosina e la nostra vita nella memoria del Signore, e allo stesso tempo lo attendiamo. Sei davanti a noi, Signore, ci sei ma allo stesso tempo ci manchi. Ti aspettiamo, Signore, e aspettiamo il tuo regno e la tua ricompensa. La giustizia dei credenti è tra la conoscenza e l´attesa. La conoscenza di Dio, e l´attesa della sua manifestazione. Grazie a Gesù Cristo, la verità della nostra vita è raccolta, conservata e custodita dal segreto del regno di Dio

Fonte: Riforma
UN GIORNO UNA PAROLA
2021
A G O S T O
Versetto del mese
Signore, porgi l orecchio,e ascolta!
Signore, apri gli occhi e guarda!
(II Re 10,16)



Salmo della settimana: 14


Domenica 1° Agosto
A chi molto è stato dato, molto sarà richiesto; e a chi molto è stato affidato, tanto più si richiederà (Luca 12,48)

Tu amerai dunque il Signore, il tuo Dio, con tutto il tuo cuore, con tutta l’anima tua e con tutte le tue forze (Deuteronomio 6,5)
Noi amiamo perché Egli ci ha amati per primo (I Giovanni 4,19)


E’ possibile amare Dio con mezzo cuore? E’ possibile provare un sentimento con solo un pezzo di cuore? Si può immaginare che il cuore sia composito. Effettivamente la tradizione rabbinica dà un suggerimento per certi versi sconcertante: si deve amare Dio sia con l isinto del bene, sia con l istinto del male. Infatti nell’uomo vi è una natura doppia, nel profondo, che lo costringere perennemente a scegliere. Ora, se è chiaro che cosa vuol dire amare Dio con la componente positiva, bisogna capire che cosa significhi amare Dio con quella negativa. Suggerisco che io pratico una forma di amore verso Dio nel momento in cui domino l’istinto del male, indirizzando verso Dio la capacità di dominare la tendenza malvagia.
Benedetto Carucci Viterbi


Matteo 13, 44-46; Filippesi 3, 4b-14; Geremia 1, 4-10









Preghiera




Poiché le tue parole, mio Dio,
non sono fatte per rimanere inerti nei nostri libri,
ma per possederci e per correre il mondo in noi,
permetti che, da quel fuoco di gioia da te acceso,
un tempo, su una montagna,
e da quella lezione di felicita,
qualche scintilla ci raggiunga e ci possegga,
ci investa e ci pervada.
Fa che come fiammelle nelle stoppie
corriamo per le vie della città,
e fiancheggiamo le onde della folla,
contagiosi di beatitudine, contagiosi della gioia

Madeleine Delbrel

COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
keyboard_arrow_left
Agosto 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Agosto 2021
L M M G V S D
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it