17 Ottobre 2018
[]

News

Dio c´è, ma non sei tu. Rilassati!

29-09-2018 18:11 - Bibbia e attualità
Un giorno una parola - commento a Osea 11, 8-9

Come farei a darti in mano altrui, o Israele? Il mio cuore si commuove tutto dentro di me, tutte le mie compassioni si accendono. Io non sfogherò la mia ira ardente, non distruggerò Efraim di nuovo, perché sono Dio, e non un uomo, sono il Santo in mezzo a te
Osea 11, 8-9

Dove il peccato è abbondato, la grazia è sovrabbondata
Romani 5, 20

Su magliette, gadget e social network, spesso circola la frase «evangelica»: "Dio c´è, ma non sei tu. Rilassati!". E menomale! Questa sì che è una buona notizia! Noi non siamo Dio e quindi questo ci libera dall´ansia di controllo, dal senso del dovere, dalle nostre presunzioni e tendenze narcisistiche che ci inducono a voler essere al centro dell´attenzione e alla pretesa di conoscere come va il mondo.

La consapevolezza di non essere Dio pone anche tutti e tutte noi davanti alla nostra capacità di peccare, di distruggere, di fare del male, qualità che sembrano appartenere a Dio, che attraverso Osea dice: «non sfogherò la mia ira ardente, non distruggerò Efraim di nuovo», ma che in realtà appartengono all´uomo. L´uomo è capace di dare un altro uomo in mani altrui. A l´uomo appartiene il naturale istinto di vendetta, il rancore, il risentimento, ma a Dio no. La misericordia, questa sì che invece gli appartiene: «D´immenso eterno amore mi amasti o mio Signor!» canta un inno cristiano, a ricordarci che Dio è misericordioso, che Egli prova compassione per noi, fin nelle sue viscere, e non guarda al nostro peccato, ma si commuove e prova tenerezza per noi sue creature.

Egli è misericordioso al punto tale da dare, per sola grazia, il suo unico figlio Gesù Cristo a questo nostro mondo per mostrarci chi è Dio e chi siamo noi, cioè sue creature bisognose del Suo amore.

L´apostolo Pietro dice al centurione Cornelio che gli si getta ai piedi per adorarlo: «Alzati, anch´io sono un uomo» (Atti 10, 26), a ricordarci, con il profeta Osea, che solo Dio è il Santo e l´unico degno di lode e adorazione.

Possiamo quindi in questo giorno, come uomini e donne, porci davanti all´unico nostro Dio, santo e misericordioso, con umiltà e spirito di lode, nella certezza che Lui ha già fatto tutto e che noi non possiamo far altro che ringraziarLo.

di Noemi Falla


Fonte: Riforma.it

Eventi

[<<] [Ottobre 2018] [>>]
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

UN GIORNO UNA PAROLA

BUONA DOMENICA

DOMENICA 30 SETTEMBRE - 19ª DOPO PENTECOSTE

Questo è il comandamento che abbiamo ricevuto da lui: che chi ama Dio ami anche suo fratello (I Giovanni 4,21)

Salmo della settimana: 56
Testi per il culto pubblico: Marco 12,28-34; Romani 14,17-19
Predicazione: Giacomo 2,1-13

Testi del giorno:

Nella mia angoscia invocai il Signore; il Signore mi rispose e mi portò in salvo (118,5)

In Cristo Gesù abbiamo la libertà di accostarci a Dio, con piena fiducia, mediante la fede in lui (Efesini 3,12)

Se ero assillato da una forte angoscia, la tua fedeltà mi è stata promessa. Tu hai sorretto chi inciampava e lo strapperai sempre al precipizio. Anche quando non vedevo la strada, la tua parola me l´ha indicata. La meta era vicina.

Jochen Klepper

PREGHIERA

Signore nostro Dio,
dacci di guardare al mondo in
cui ci hai messi con gratitudine,
come allo spazio che ci hai dato
perché ne gioissimo insieme a
tutti gli umani. Dacci di guardare
al mondo in cui ci hai messi
con responsabilità, e non come
padroni che non conoscono
limiti. Dacci di guardare agli
altri umani come esseri solidali
accomunati a noi dai nostri errori
e dalla tua promessa di vita.
Amen

Foto gallery

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata