27 Gennaio 2021
News

DOVE ANDARE? di Giuseppe Platone

13-06-2013 10:40 - Bibbia e attualità
«Sì, voi partirete con gioia e sarete ricondotti in pace...» (Isaia 55,12)

Chi sono questi che partono? Dal racconto, in questa parte del libro di Isaia, capiamo che si tratta di coloro che, finito l´esilio, si apprestano a tornare. La catastrofe politica e militare del VI secolo a.C. ,sfociata nella deportazione di migliaia di persone, è ormai un ricordo. Non tutti faranno la valigia per tornare. Dopo tanti anni trascorsi in terra straniera, c´è anche chi ha ormai adottato il nuovo paese come il proprio. Ci si adatta a tutto. Lo sanno bene gli sradicati, i migranti, i forzati dell´emigrazione. I quali se ne sarebbero stati, più che volentieri, nelle proprie contrade ma sono stati costretti a partire e non si sono certo messi in cammino con gioia. La Bibbia racchiude molte storie di sradicamento. A cominciare dallo stesso Abramo, sequestrato dalla Parola di un Dio che lo mette in cammino. Sarà Dio stesso ad indicargli la meta.
E noi sappiamo dove andare? In queste settimane di bilanci ecclesiastici, locali o nazionali, a volte ci si limita a valutare solo ciò che è stato fatto. Il che è già gran cosa. Del resto come calvinisti, la nostra attesa del Regno è, in genere, molto attiva. Le relazioni annue della nostre chiese raccontano le molteplici nostre iniziative. Siamo pochi ma lavoriamo molto. E proprio per questo occorre ogni tanto fermarsi e alzare lo sguardo per vedere in quale direzione procedere. Sì lo sappiamo che la meta è nelle mani di Dio. A noi tocca però raggiungerla, camminare e camminare, senza perdere l´orientamento. Per capire dove andare abbiamo bisogno, sempre e di nuovo, di incontrarci per parlarne, discutere, analizzare, pregare e così, insieme, decidere la strada da imboccare. Si tratta di un lavoro collettivo e fraterno, vorrei dire assembleare. Non abbiamo a tutt´oggi altro modo che questo. Certo è faticoso adempierlo localmente e ancora di più faticoso è portarlo avanti tutti insieme, come tribù diverse del mondo evangelico. Non soltanto sapere dove ma anche come andare. Le nostre identità confessionali (quelle storiche e quelle di più recente formazione) non riescono (ancora) a procedere insieme. Tuttavia osservando il cammino che le tribù evangeliche, pur in ordine sparso, hanno sin qui percorso nel nostro Paese, ci rendiamo conto che la nostra Guida non ci ha mai abbandonato. Questa consapevolezza ci trasmette la gioia di proseguire il cammino (pur con il fardello delle nostre diversità) sapendo di avere, davanti a noi, una Guida affidabile che conosce bene la meta da raggiungere.

Fonte: Chiesavaldese.org
UN GIORNO E INA PAROLA
2021
VERSETTO DELL'ANNO
" Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre vostro "
Luca ( 6 36 )

GENNAIO

Versetto del mese :
Molti van dicendo : " chi ci farà vedere il bene, se da noi , Signore, è fuggita la luce del tuo volto?"
Salmo ( 4 , 6

Salmo della settimana : 16

Mercoledì 27 Gennaio


I traviati di spirito impareranno la saggezza e i mormoratori accetteranno l’istruzione (Isaia 29,24)
Se poi qualcuno di voi manca di saggezza, la chieda a Dio che dona a tutti generosamente senza rinfacciare, e gli sarà data (Giacomo 1, 5)


Quando il passato ci opprime, quando il presente ci angustia, quando il futuro ci spaventa, alziamo gli occhi verso di te. Donaci, Signore, i segni della tua presenza in mezzo alla confusione del mondo e delle nostre vite! Ti chiediamo di imprimere nei nostri cuori le tue promesse per rafforzarci e guidarci ogni giorno

Helmut Gollwitzer



Rut 1, 1-21; Luca 6, 47-49



Preghiera

Quando il passato ci opprime,
quando il presente ci angustia,
quando il futuro ci spaventa,
alziamo gli occhi verso di te.

Donaci, Signore, i segni della tua presenza
in mezzo alla confusione del mondo e delle nostre vite!
Ti chiediamo di imprimere nei nostri cuori
le tue promesse per rafforzarci e guidarci ogni giorno
Helmut Gollwitzer



COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Gennaio 2021] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it