21 Agosto 2019

News

Culto di Natale in eurovisione dalla chiesa luterana di Venezia

20-12-2017 18:04 - Fede e spiritualità
A conclusione del Cinquecentenario della Riforma protestante (1517-2017) celebrato in tutto il mondo, il culto di Natale in eurovisione quest´anno arriva da Venezia e avrà un carattere volutamente ecumenico.

A cura della rubrica televisiva "Protestantesimo", andrà in onda il 25 dicembre alle 10 su RaiDue, e vedrà celebrare insieme cattolici, ortodossi e protestanti nella chiesa evangelica luterana della città lagunare.

Il culto sarà presieduto dal pastore Bernd Prigge, titolare della chiesa luterana di Venezia in Campo SS. Apostoli. La predicazione della Parola è stata affidata al cardinale Francesco Moraglia, patriarca di Venezia, a padre Evangelios Yfantidis, vicario della Sacra Arcidiocesi ortodossa d´Italia e Malta del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli, nonché al pastore Davide Mozzato della chiesa avventista del settimo giorno. I canti saranno a cura del Vocal Skyline Gospel Choir, con la partecipazione del coro dei seminaristi di Venezia e dei cantori dell´arcidiocesi ortodossa. Al cembalo Martino Piani, al flauto Nicolò Dal Fabbro, e all´organo Vicenzo Piani.

Venezia è stata insignita dalla Comunione di chiese protestanti in Europa (CCPE), in accordo con l´amministrazione locale, del titolo di "Città europea della Riforma". Si tratta dell´unica città in Italia dove, sin dal 1517, è esistita una presenza evangelica ininterrotta, seppur a tratti esercitata in clandestinità nel "Fondaco dei Tedeschi" sul Canal Grande. Oggi, la piccola comunità luterana di Venezia è composta da 120 persone in tutto, metà residenti in laguna e l´altra metà distribuite tra Padova, Vicenza, Treviso e Abano Terme.

La rubrica religiosa "Protestantesimo Raidue" è a cura della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI).


Fonte: NEV-Notizie Evangeliche.it

UN GIORNO UNA PAROLA

A G O S T O
Versetto del mese:
Andando, predicate e dite: «Il regno dei cieli è vicino» (Matteo 10,7)


Salmo della settimana: 70

Mercoledì 21 Agosto

Io sopporterò lo sdegno del Signore, perché ho peccato contro di lui (Michea 7, 9)
Umiliatevi davanti al Signore,ed egli v’innalzerà (Giacomo 4, 10)

Siamo solo dei servi, Signore, dei servi inutili, cioè senza un utile, un interesse, un secondo fine nel servizio che la vita ci chiede di compiere. Facciamo il nostro dovere verso le persone e la comunità, per amore tuo e dei fratelli, per seguire il tuo esempio ed essere fedeli al compito che ci hai affidato. Aiutaci, Signore, a rimanere – con gioia e verità – servi inutili per il potere, ma preziosi per te e per il tuo regno. Amen.
Sergio Carrarini
I Corinzi 10, 23-31; Matteo 10, 34-42



Preghiera

Signore nostro, la tua Parola
ci cerca, la tua voce desidera il
nostro cuore per prendere dimora
in noi e da lì poter risuonare
nel mondo. Accogli la nostra
disponibilità, anche se fragile,
anche se piena di contraddizioni,
e vieni ad abitare in noi. Dona
la forza del tuo Spirito, respiro
di vita, che ci sostenga quando
la tua Parola brucia, che ci dia
il coraggio di andare avanti
quando nulla è chiaro, quando senza
te il nostro passo sarebbe troppo
incerto.
Ascoltaci, Signore nostro, nel
nome del tuo figlio Gesù, e donaci
il respiro del tuo spirito Santo.
Amen
da Riforma
del 29 marzo 2019



Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it