25 Settembre 2018
[]

News

Come «essere chiesa insieme»?

28-01-2018 18:18 - Il Vangelo ci parla
«Voi tutti che siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo. Non c´è qui né giudeo né greco; non c´è né schiavo né libero; non c´è né maschio né femmina; perché voi tutti siete uno in Cristo Gesù.» (Galati 3,27-28)

Quando richiama questa tradizione battesimale, Paolo prende di petto le grandi appartenenze che determinano l´esistenza di tutti e di ciascuna/o, dal punto di vista di un ebreo del primo secolo. Sono come i binari di un destino che determinano tutta una vita. Paolo non si limita a proclamare l´universalismo della comunità dei battezzati, non dice in modo generale: "non ci sono differenze tra di voi, perché siete uno in Cristo". Nomina le differenze: giudeo, greco, schiavo, libero, maschio, femmina. E potremmo continuare. Afferma, però, che le discriminazioni sulla base di queste differenze, sono ormai escluse per il credente. La prima cosa è che ciascuno considera se stesso e gli altri come delle persone, indipendentemente delle loro qualità o appartenenze.

Quando Paolo dice che non ci sono più differenze, Paolo sa che nella chiesa ci sono giudei e pagani, schiavi e liberi, uomini e donne e che queste differenze possono portare a forti tensioni. Infatti, i primi conflitti nella chiesa nascono da queste appartenenze. Ma appunto, i membri della comunità sono invitati ad accogliersi come sorelle e fratelli, amati e riconosciuti da Dio, senza condizioni. Accolto senza condizioni però, ciascuno lo è tale quale com´è, con le sue differenze: giudeo, greco, schiavo, libero, donna, uomo, africano o italiano, sudamericano o asiatico, ma anche abituato ad esprimere la fede in un modo diverso ... e non gli viene chiesto di cambiare per essere accettato. Le differenze possono essere riconosciute. In Cristo le persone con le loro differenze e contrasti sono costituite in una nuova unità. L´accoglienza reciproca non è solo un invito o un´esortazione, è una questione di identità: "avete rivestito Cristo" con il battesimo, esprime questa nuova identità. La comunità del vangelo è "aperta indiscriminatamente a tutti, donne e uomini, non privati delle loro diversità culturali e storico-sociali". Le diversità non sono annullate, sono disinnescate come destino, e ridimensionate, relativizzate; quello che è tolto di mezzo è il privilegio degli uni e l´handicap degli altri.

Allora come "Essere Chiesa Insieme"? che è la vera identità di battesimo, di coloro che hanno rivestito Cristo. Paolo ci ricorda che la chiesa non è un raduno elettivo, per quelli che hanno già delle affinità in comune, non è un club a numero chiuso di gente che si assomiglia. Paolo ci ricorda anche che non possiamo dire, per evitare i conflitti, che nella chiesa non esistono più tensioni, che sono superate. Ma, appunto in quanto le differenze e i contrasti sono relativizzati e non più determinanti in ultima istanza, allora i conflitti possono essere affrontati e essere portatori di liberazione. Rivestire Cristo non è indossare una divisa, ma è apertura a nuove relazioni senza paura, senza chiusura, senza recinti, con il riconoscimento delle differenze e particolarità di ciascuna e ciascuno, valorizzate nella vitalità del corpo di Cristo.

di Yann Redalié


Fonte: Chiesavaldese.org

Eventi

[<<] [Settembre 2018] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

UN GIORNO UNA PAROLA

MERCOLEDÌ 19 SETTEMBRE

Il Signore placa il fragore dei mari, il fragore dei loro flutti, e il tumulto dei popoli (Salmo 65,7)

La pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù (Filippesi 4,7)

Vieni, Signore, nella nostra città chiassosa, per mezzo del tuo silenzio, in modo che chi ha perso coraggio chieda e riceva da te la forza per continuare il cammino in mezzo al chiasso e ai conflitti verso la tua eternità.

Hans von Lehndorff

Atti degli apostoli 9,36-42; Ecclesiaste 6,1-12

PREGHIERA

Signore nostro Dio,
dacci di guardare al mondo in
cui ci hai messi con gratitudine,
come allo spazio che ci hai dato
perché ne gioissimo insieme a
tutti gli umani. Dacci di guardare
al mondo in cui ci hai messi
con responsabilità, e non come
padroni che non conoscono
limiti. Dacci di guardare agli
altri umani come esseri solidali
accomunati a noi dai nostri errori
e dalla tua promessa di vita.
Amen

Foto gallery

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata