01 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News

Clericalismo protestante?

08-06-2016 13:40 - News
La nostra chiesa è governata da assemblee, non da un magistero, ma oggi poche idee vengono "dal basso"

A suo tempo non ero stato entusiasta degli abbracci con il papa e neppure lo sono di quelli con il Gran Maestro del Grande Oriente d´Italia, Stefano Bisi, nell´Aula sinodale, come è successo in occasione dell´incontro dedicato a Paolo Paschetto, all´emblema della Repubblica e ai valori della Repubblica, lo scorso 1 giugno. In realtà si è trattato un incontro pubblico fra appartenenti alla massoneria e appartenenti alla comunità valdese, appartenenze che in non pochi casi riguardano le stesse persone. Ma non è stato detto il perché di un incontro, non certo ordinario, in quel luogo e perché organizzato dal Centro culturale valdese e dal Grande Oriente d´Italia.

I rapporti fra massoneria e valdesi risalgono al Risorgimento e vi è una correlazione stretta, specie alle Valli, fra iniziazione massonica, impegno evangelico e polemica antipapista. Molti pastori metodisti e valdesi sono stati massoni. Non si è trattato solo di una vicinanza ideale, ma a volte anche di strutture di potere o almeno di influenza della massoneria in alcuni comitati della Chiesa valdese.

Difficilmente si era vista un´Aula sinodale così affollata e con tanti uomini vestiti di abiti scuri, come in una di quelle fotografie che ci mostrano l´assemblea sinodale schierata davanti al portone della Casa valdese negli anni ´50. E poi l´Inno alla gioia e Fratelli d´Italia cantati con la mano sul petto.

Tra i vari discorsi uditi nel corso dell´incontro, quello del moderatore Bernardini, largamente condivisibile nei contenuti programmatici (la comune battaglia per la laicità la libertà religiosa e di coscienza), mi ha colpito per il tono. È stato il discorso di un capo religioso che si rivolge innanzi tutto ai «suoi», azzera qualsiasi perplessità, tacita eventuali dissensi, indica la direzione, chiede di non attardarsi su polemiche superate o fumose dietrologie.

Parlando della democrazia che si vive nell´Aula durante il Sinodo, Bernardini ha citato il giurista valdese Giorgio Peyrot e il suo costante sforzo di costruire una «mente comune» al di là delle differenze e degli esiti del voto. Probabilmente il pensiero di Peyrot si rivolgeva al confronto di idee, alle proposte, ai progetti presentati dalle varie commissioni sinodali, da deputate e deputati, sottoposti a discussioni spesso lunghe ma indispensabili per costruire un consenso più forte del voto, che determina forzatamente maggioranze e minoranza. In questo senso Peyrot distingueva la democrazia parlamentare da quella sinodale.

Oggi in molti casi si assiste a un rovesciamento: iniziative, progetti, «eventi» vengono prevalentemente dal vertice. È lì che si decide come essere protestanti in Italia oggi. Come presentarsi al Paese o al Presidente della Repubblica. Alcune iniziative sono ottime, e proprio il fatto di essere prese al vertice le rende tempestive ed efficaci (si pensi ai «corridoi umanitari»). Dalla periferia, dai comitati, dalle opere sociali vengono poche idee, poche iniziative; in compenso vengono tante richieste di contributi otto per mille... Le decisioni vengono prese (per forza?) dai vertici. Come la decisione di incontrare in modo pubblico e in modo ufficiale la massoneria.

La crisi della democrazia è generale nel nostro paese e in Europa, e non si risolverà con il referendum confermativo sulla riforma costituzionale. Che la chiesa sia governata non da un magistero, ma da una «gerarchia di assemblee» (assemblee locali, distrettuali, sinodali) è, nella nostra visione riformata, un punto fondamentale. Purtroppo il verticismo e il clericalismo si formano lo stesso, anche nell´assemblea locale, molti non partecipano più e pochi parlano, sempre gli stessi. I Sinodi sono spesso farraginosi e ripetitivi.

L´anniversario del 1517 potrebbe anche essere l´occasione per riflettere sul sola Scriptura e sul «servo/libero arbitrio» in riferimento all´autorità nella chiesa.

Fonte: Riforma.it
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

S E T T E M B R E
Versetto del mese:
“Dio era in Cristo nel riconciliare con sé il mondo”
(II Corinzi 5,19)




Salmo della settimana : 125


Mercoledì 30 Settembre

Ho creduto, perciò ho parlato. Io ero molto afflitto (Salmo 116,10)
Beato l’uomo che sopporta la prova; perché, dopo averla superata, riceverà la corona della vita, che il Signore ha promesso a quelli che lo amano (Giacomo 1,12)

Le prove sono abbracci di Dio.
Martin Lutero

Genesi 16,5-14; II Corinzi 11,16-33




Preghiera

Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell’iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po’ di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.
Ediz. Paoline




Eventi
[<<] [Ottobre 2020] [>>]
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it