23 Agosto 2019

News
percorso: Home > News > Ecumenismo

Chiesa Valdese e questione femminile: tema affrontato da 50 anni - Noceti: in ambito cattolico, possibile il diaconato femminile

21-12-2017 09:55 - Ecumenismo
Confronto ecumenico utile affinché la Chiesa sia più inclusiva e sempre meno androcentrica

Lo scorso 15 dicembre, nella sala «Maria Eletta Martini» di Lucca, si è tenuto l´incontro pubblico, organizzato dal Meic di Lucca e dal Centro Vermigli, sul tema «Ministeri, donne e chiese». Le relatrici di questo evento sono state la teologa cattolica Serena Noceti, vicepresidente dell´Associazione Teologica italiana e docente di Teologia sistematica all´Istituto Superiore di Scienze Religiose di Firenze, e la protestante Letizia Tomassone, pastora della chiesa valdese di Firenze e docente di Studi femministi e di genere presso la Facoltà Valdese di Teologia di Roma. Durante questo evento è stato presentato il testo, a cura della stessa Noceti e pubblicato dalla Queriniana, «Diacone. Quale ministero per quale chiesa?», opera che costituisce un ricco e documentato dossier sullo scottante tema del diaconato femminile, con saggi della curatrice e di Gilles Routhier, Andrea Grillo, Cettina Militello, Marinella Perroni, Cristina Simonelli, Angela Berlis Pius e Ramon Tragan.

La prima relazione è stata tenuta dalla pastora Tomassone ed è stata incentrata sul ruolo femminile nella Chiesa Valdese negli ultimi cinquant´anni. La teologa protestante, dopo aver rivolto il suo apprezzamento per il testo curato dalla professoressa Noceti, ha narrato la battaglia delle donne valdesi degli anni ´60 per accedere al pastorato: una lotta non facile, che si scontrò con le resistenze intraecclesiali ed ebbe tappe intermedie come quella dell´accesso delle donne al ministero dell´assistente pastorale, ma che alla fine riuscì ad ottenere l´accesso pieno delle donne al ministero ordinato. Secondo la teologa, il pastorato femminile ha permesso alla Chiesa Valdese di diventare una comunità ecclesiale più inclusiva e sensibile alla tematica di genere a livello sociale, ecclesiale e teologico.

La seconda relazione è stata tenuta dalla professoressa Noceti: la teologa, oltre a presentare il libro da lei curato, ha fatto una breve storia della «questione femminile» nel cattolicesimo conciliare e postconciliare. La docente ha iniziato, parlando della significativa, per quanto esigua, presenza di donne cattoliche durante il Vaticano II e dell´ingresso delle donne cattoliche nella vita ecclesiale e negli studi teologici durante gli anni ´60. La teologa ha ricordato, inoltre, l´ampio sostegno teologico per l´ordinazione femminile (sia al diaconato che al sacerdozio) da parte di molti teologi cattolici del postconcilio (come ad esempio Karl Rahner), ma anche la decisa e netta opposizione del Magistero al sacerdozio femminile, culminata con l´Ordinatio Sacerdotalis di Giovanni Paolo II del 1994, secondo cui la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l´ordinazione sacerdotale.
Tuttavia, secondo la teologa, rimane aperta la via del diaconato femminile, che è compatibile con il citato pronunciamento magisteriale, che non preclude l´accesso delle donne al primo grado del ministero ordinato, che è solidamente fondata sulla teologia del Concilio Vaticano II ed che è attestata nella Chiesa antica nell´ordine delle diaconesse. La professoressa si è quindi augurata che, non esistendo reali ostacoli teologici, si possa arrivare in ambito cattolico, dopo trent´anni di stagnazione sul tema, al diaconato femminile ordinato.

È seguito un dibattito con diverse domande dal pubblico con interventi sia favorevoli che contrari. Ci si augura che il dibattito e il confronto ecclesiale su come valorizzare e riconoscere pienamente il ruolo delle donne possa continuare e produrre risultati fecondi nella prospettiva di una Chiesa sempre più inclusiva ed eguale e sempre meno androcentrica.

di Niccolò Bonetti



Fonte: Lucca7 - 45

UN GIORNO UNA PAROLA

A G O S T O
Versetto del mese:
Andando, predicate e dite: «Il regno dei cieli è vicino» (Matteo 10,7)


Salmo della settimana: 70

Giovedì 22 Agosto

Egli era strappato dalla terra dei viventi e colpito a causa dei peccati del mio popolo? (Isaia 53, 8)
Considerate perciò colui che ha sopportato una simile ostilità contro la sua persona da parte dei peccatori, affinché non vi stanchiate perdendovi d’animo (Ebrei 12,3)

Dobbiamo svuotare Dio della sua divinità per amarlo. Egli si è svuotato della sua divinità diventando uomo, poi della sua umanità diventando cadavere (pane e vin), materia. E’ necessario amare Dio attraverso le proprie gioie, attraverso la propria sventure, attraverso i propri peccati (passati). E’ necessario amarlo attraverso le gioie, le sventure, i peccati degli altri uomini e senza condizione.
Simone Weil

I Corinzi 9, 16-23; Matteo 11, 1-19


Preghiera

Signore nostro, la tua Parola
ci cerca, la tua voce desidera il
nostro cuore per prendere dimora
in noi e da lì poter risuonare
nel mondo. Accogli la nostra
disponibilità, anche se fragile,
anche se piena di contraddizioni,
e vieni ad abitare in noi. Dona
la forza del tuo Spirito, respiro
di vita, che ci sostenga quando
la tua Parola brucia, che ci dia
il coraggio di andare avanti
quando nulla è chiaro, quando senza
te il nostro passo sarebbe troppo
incerto.
Ascoltaci, Signore nostro, nel
nome del tuo figlio Gesù, e donaci
il respiro del tuo spirito Santo.
Amen
da Riforma
del 29 marzo 2019



Eventi

COMMENTO AL VERSETTO

Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22

Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery


Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it