25 Settembre 2018
[]

News

C´È MOLTO RAZZISMO IN GIRO, PIÙ DI QUANTO SI PENSI

24-01-2018 18:30 - Bibbia e attualità
C´è modo e modo di essere razzisti o di fare del razzismo. C´è un modo crudo come quello di chi, senza vergognarsi (anche se dovrebbe sentirsi un verme), auspica che gli immigrati dovrebbero sparire o addirittura morire. C´è anche un modo più elegante, quasi gentile, che non fa vedere di essere razzisti, ma in pratica è la stessa cosa di quelli che si dichiarano apertamente tali. Un modo che passa quasi inosservato, ma dalle precise finalità. Mi è giunta voce che ci sono delle famiglie, anche lucchesi, che, iscrivendo i figli a scuola, evitano di scegliere come lingua straniera il Francese, perché non vogliono che i loro figli si trovino in classe con i figli dei marocchini, i quali, in genere, scelgono il Francese, che in pratica è la seconda lingua nel loro Paese di origine. Per non mescolarsi con «certa gente», dicono. Una orrenda forma ipocrita di camuffare il proprio razzismo. Si fa finta che interessi lo Spagnolo o un´altra lingua, ma in realtà è una chiara scelta contro gli immigrati, molti dei quali, fra l´altro, sono da tempo in Italia. Stiamo tornando ai tempi di chi non voleva mescolare le etnie? Di chi pensava di appartenere alla razza pura? ´C Mi domando che tipo di educazione passa ai figli, se i genitori (s)ragionano in questo modo. E, chissà, forse anche alcuni cristiani fanno la stessa cosa. Poi magari vogliono il crocifisso e il presepe nelle scuole. Ci vuole una bella faccia! Di cristiani di questo genere non ce n´è proprio bisogno. Intanto, nei giorni scorsi, un politico di una certa importanza, si è messo a difendere la «razza bianca», per la paura che gli immigrati prendano il posto degli italiani, cose, che solo al sentirle, viene il voltastomaco, tanto sono orribili e vomitevoli. Ovviamente guai a tacciarli di razzismo, perché loro non sono razzisti... Che cosa sono, allora? «Dobbiamo decidere se la nostra etnia, la nostra razza bianca, la nostra società devono continuare a esistere o se devono essere cancellate», così si è espresso il politico. Non è razzismo questo? «Un lapsus, un errore terminologico, ha spiegato. Ma sia ben chiaro che il concetto espresso lo difendo e lo difenderò sempre. Invece di razza, dovevo dire popolo italiano o cultura nazionale che vanno difesi da un´invasione che rischia di distruggerci». Uno si domanda che cosa devono imparare le nuove generazioni, già stravolte da alcool e droghe varie. Quali esempi vengono da certi adulti? Se poi ci si mettono anche alcuni politici, siamo alla frutta. L´atteggiamento di non poche persone nei confronti degli immigrati è in fondo lo stesso atteggiamento che si nota nei riguardi del diverso. Non a caso, questo modo di emarginare i diversi si rispecchia anche nelle nuove generazioni. I tanti, troppi atti di bullismo o meglio di delinquenza minorile, non avvengono per caso, hanno origini ben precise, sono frutto di una mala educazione alla convivenza civile. E si smetta di parlare semplicemente di bullismo, quasi fosse una malattia, ma si parli apertamente di delinquenza. Abituati a scusare tutto e tutti, siamo arrivati al punto che, perfino i genitori, pensano di proteggere i figli, aggredendo gli insegnanti. Insomma, sempre più in basso, anzi sembra che non ci sia limite al peggio. I fatti a cui accenno, a ben vedere, sono tutti sulla stessa linea. Poveri noi, più in basso di così...!

di Franco Cerri cerrif@alice.it



Fonte: ToscanaOggi - Lucca7

Eventi

[<<] [Settembre 2018] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

UN GIORNO UNA PAROLA

MERCOLEDÌ 19 SETTEMBRE

Il Signore placa il fragore dei mari, il fragore dei loro flutti, e il tumulto dei popoli (Salmo 65,7)

La pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù (Filippesi 4,7)

Vieni, Signore, nella nostra città chiassosa, per mezzo del tuo silenzio, in modo che chi ha perso coraggio chieda e riceva da te la forza per continuare il cammino in mezzo al chiasso e ai conflitti verso la tua eternità.

Hans von Lehndorff

Atti degli apostoli 9,36-42; Ecclesiaste 6,1-12

PREGHIERA

Signore nostro Dio,
dacci di guardare al mondo in
cui ci hai messi con gratitudine,
come allo spazio che ci hai dato
perché ne gioissimo insieme a
tutti gli umani. Dacci di guardare
al mondo in cui ci hai messi
con responsabilità, e non come
padroni che non conoscono
limiti. Dacci di guardare agli
altri umani come esseri solidali
accomunati a noi dai nostri errori
e dalla tua promessa di vita.
Amen

Foto gallery

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata