27 Gennaio 2021
News
percorso: Home > News > News

Buo lavoro, Presidente Mattarella

03-02-2015 18:06 - News
Libertà religiosa, diritti dei migranti al centro dei messaggi degli evangelici italiani

Sergio Mattarella sarà un presidente della Repubblica attento al tema della libertà religiosa: lo afferma il pastore Domenico Maselli, deputato per due legislature, ricordando un episodio di vent´anni fa. «Era l´11 maggio del 1995, e alla Camera si discuteva la legge di approvazione dell´Intesa con la Chiesa evangelica luterana, di cui ero relatore. Nel mio discorso ricordai tra l´altro il cinquantesimo anniversario della morte del teologo luterano Dietrich Bonhoeffer (9 aprile 1945) e sottolineai l´importanza dell´approvazione delle Intese tra lo Stato e le varie confessioni religiose. Il primo intervento, nel dibattito che seguì, fu proprio quello di Sergio Mattarella: ricordo che espresse piena consonanza con la mia relazione e sottolineò l´importanza della libertà religiosa di tutti e della separazione tra stato e chiese. Mi rallegro dunque per la sua elezione a Presidente della Repubblica».

Un messaggio augurale «a nome degli evangelici raccolti nella Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei)» è stato inviato a Mattarella dal pastore Massimo Aquilante, presidente della Fcei. «È nota la sua alta considerazione per i principi di giustizia e democrazia che sono alla base della Repubblica», si legge nel testo diffuso dall´agenzia Nev - Notizie evangeliche. «Il nostro paese è oggi martoriato certamente dalla crisi economica, ma anche da un profondo smarrimento culturale e morale, che mina alla base lo sforzo di convivenza. Tanto più si rende necessario il rafforzamento di quel "patto di cittadinanza" che garantisce e restituisce il senso delle istituzioni e dello Stato». Aquilante ha inoltre invitato il Presidente Mattarella a vigliare su altri due temi molto cari agli evangelici italiani: quello della libertà religiosa e di coscienza, che «nonostante le parole nitide e chiare della nostra Carta fondamentale, incontra ostacoli e persino opposizioni, ad esempio in materia di luoghi da adibire al culto» (il riferimento è alla legge regionale lombarda recentemente approvata), e quello dei diritti dei migranti, e in particolare «di quanti fuggendo da violenze e persecuzioni tentano la via disperata della traversata del Mediterraneo».

Il pastore Eugenio Bernardini, Moderatore della Tavola valdese, ha inviato un messaggio al neo Presidente, trasmettendo a nome della Chiesa valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi) «un sentito augurio per l´oneroso mandato che si accinge a svolgere assumendo la suprema carica dello Stato». «Come credenti evangelici - prosegue la lettera - espressione della più antica presenza della Riforma protestante in Italia, pregheremo per lei, per il servizio che renderà al paese in una contingenza difficile, in cui tutti sentiamo viva la speranza di un´azione politica ancorata a un´etica pubblica rigorosa, attenta ai bisogni di chi è senza lavoro o lo cerca senza successo, di chi è più vulnerabile e meno garantito. Come cittadini italiani ci rivolgiamo a Lei nella consapevolezza che sarà difensore fermo e appassionato di quel supremo principio di laicità che orienta l´ordinamento italiano e che oggi consente a comunità a lungo perseguitate come la nostra di vivere liberamente la nostra fede e di testimoniarla pubblicamente. Come europei siamo fiduciosi che Ella saprà orientare la sua azione verso una comunità di popoli e di nazioni sempre più solidale e coesa, attenta ai diritti umani, impegnata a difendere quel pluralismo culturale e religioso che dell´Europa costituisce un carattere prezioso e irrinunciabile».

Anche il pastore Raffaele Volpe, presidente dell´Unione battista (Ucebi) esprime soddisfazione per l´elezione di Mattarella. «Io che mi sento un figlio adottivo della Sicilia per i tanti e belli anni di pastorato trascorsi nell´isola - ha dichiarato a Riforma - ho appreso con l´orgoglio di un figlio di quella terra l´elezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica. Allo stereotipo del politico siciliano corrotto, mafioso e omertoso, la Sicilia ha spesso risposto con uomini e donne onesti, coraggiosi e competenti. Quando Buscetta iniziò finalmente a raccontare a tutti cos´era la mafia, di Piersanti Mattarella, fratello dell´attuale Presidente, disse che fu ucciso "su mandato della commissione e su ispirazione di Salvatore Riina". Oggi il fratello di un morto di mafia rappresenta lo Stato Italiano e questo riempie il mio cuore di speranza. Buon lavoro, Presidente, che Dio la benedica».

Fonte: Riforma
UN GIORNO E INA PAROLA
2021
VERSETTO DELL'ANNO
" Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre vostro "
Luca ( 6 36 )

GENNAIO

Versetto del mese :
Molti van dicendo : " chi ci farà vedere il bene, se da noi , Signore, è fuggita la luce del tuo volto?"
Salmo ( 4 , 6

Salmo della settimana : 16

Martedì 26 Gennaio

«La mia parola non è forse come un fuoco», dice il Signore, «e come un martello che spezza il sasso?» (Geremia 23, 29)
Io sono venuto ad accendere un fuoco sulla terra; e che mi resta da desiderare, se già è acceso? (Luca 12, 49)

Il cammino interiore è simile al lavoro che una volta facevano gli uomini per accendere il fuoco. Si batta e si ribatte una pietra contro l’altra, senza stancarsi finché scocca la scintilla. Per nascere, il fuoco ha bisogno del legno ma per divampare deve aspettare il vento. Cerca dunque sempre il fuoco nella tua vita, attendi il vento, perché senza fuoco e senza vento i nostri giorni non sono molto diversi da una mediocre prigionia.

Susanna Tamaro


Romani 15, 7-13; Luca 6, 43-46





Preghiera

Quando il passato ci opprime,
quando il presente ci angustia,
quando il futuro ci spaventa,
alziamo gli occhi verso di te.

Donaci, Signore, i segni della tua presenza
in mezzo alla confusione del mondo e delle nostre vite!
Ti chiediamo di imprimere nei nostri cuori
le tue promesse per rafforzarci e guidarci ogni giorno
Helmut Gollwitzer



COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Eventi
[<<] [Gennaio 2021] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Foto gallery

Realizzazione siti web www.sitoper.it