23 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News

Anniversario della Riforma. 37 città della Riforma e una canzone: "il 2017 sarà europeo"

19-07-2014 10:28 - News

Trentasette città europee si sono candidate per il titolo di "Città europea della Riforma", un´iniziativa promossa dalla Comunione di chiese protestanti in Europa (CCPE) in vista del Cinquecentenario della Riforma nel 2017. Per quattro città la procedura si è già conclusa con successo: Emden (Germania), Zurigo (Svizzera), Wittenberg (Germania) e Turku (Finlandia), possono utilizzare l´ambito "titolo" e porre le proprie iniziative per l´anniversario della Riforma nel quadro del programma "città europea della Riforma". Altre sei città vedranno assegnato loro il titolo entro l´estate 2014. "In questo modo sarà evidente la dimensione europea della Riforma" ha affermato il vescovo Michael Bünker, segretario generale della CCPE, che ha aggiunto: "tanto nel numero di menzioni, quanto nella distanza geografica e nella varietà di attività, le nostre aspettative sono state largamente superate. Il 2017 sarà europeo". Dal momento che è possibile candidarsi sino all´anno 2017, si può prevedere la partecipazione di più di 50 città.

Il progetto "Città europea della Riforma" della CCPE mira a creare sinergie tra le chiese e le città, e mettere in rete le tante iniziative che si svolgeranno per i 500 anni della Riforma, tenendo insieme arte, cultura, turismo, ma anche storia e spiritualità.


"La CCPE è innanzitutto una comunità che celebra il culto" sottolinea Bünker. Per conferire un significato particolare agli eventi di culto che si terranno nel 2017, la CCPE ha così indetto nell´estate 2014 una seconda iniziativa, un concorso musicale per la "canzone della Riforma". La giuria sarà internazionale. "Con questo concorso vogliamo arrivare nelle scuole e nelle comunità" dice Bünker, "l´anniversario della Riforma a livello europeo deve rivolgersi non solo alle Chiese e alle istituzioni; la canzone vincitrice dovrà essere cantata nel 2017 nei tanti culti in molte lingue!".


Tanto il programma "città della Riforma in Europa" che il concorso musicale sono parte del progetto "Europa reformata", che è stato avviato nel 2012 dall´Assemblea generale della CCPE. Ulteriori aggiornamenti saranno reperibili sul sito www.leuenberg.eu.
UN GIORNO UNA PAROLA
2020

S E T T E M B R E
Versetto del mese:
“Dio era in Cristo nel riconciliare con sé il mondo”
(II Corinzi 5,19)




Salmo della settimana : 127


Mercoledì 23 Settembre

Annienterà per sempre la morte (Isaia 25, 89)
Siamo in questa tenda gemiamo, oppressi; e perciò desideriamo non già di essere spogliati, ma di essere rivestiti, affinché ciò che è mortale sia assorbito dalla vita (II Corinzi 5,4)

Alla sera di questa vita, apparirò a mani vuote davanti a te; non ti chiedo, infatti, Signore, di tenere conto delle mie opere. Ai tuoi occhi hanno macchie tutte le nostre giustizie. Per questo mi voglio rivestire della tua sola Giustizia e ricevere dal tuo Amore l’eterno possesso di Te stesso. Non voglio altro Trono e altra Corona che Te , o mio Diletto!
Teresa di Lisieux

Ecclesiaste 4, 4-12; II Corinzi 8, 10-24


Preghiera

Donaci coraggio, o Signore.
Il coraggio dell’iniziativa
e il coraggio della disciplina.
Più amore, Signore, più autenticità.
Il coraggio di agire
e di agire senza temerità.
Più coerenza, Signore, più slancio.
Il coraggio della continuità e il
coraggio di un costante adattamento.
Più generosità, Signore,
più comprensione.
Il coraggio
di saper stare spesso soli
e quello di sempre ricominciare.
Più sincerità, Signore, più amicizia.
Il coraggio di non irritarsi
e rimanere sempre padroni di sé.
Più delicatezza, Signore, più carità.
Il coraggio di trovare sempre
un po’ di tempo per meditare e pregare.
Più fede, Signore, più luce:
nel desiderio urgente
di bontà e giustizia.
Ediz. Paoline




Eventi
[<<] [Settembre 2020] [>>]
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    
COMMENTO AL VERSETTO
Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo
Galati 5, 22
Diceva Martin Lutero: «Dove Dio ha costruito una chiesa, il diavolo costruisce anche lui una cappella». È vero. Il diavolo si fa sentire. E come. Siamo soliti ascoltare le cose negative intorno a noi, anche se le cose positive sono presenti. Per una ragione o altra quelle negative lasciano un segno profondo. Già per questo la vecchia abitudine di imparare a memoria questa frase dell’apostolo Paolo è un consiglio più che buono. Riporta in primo piano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito, al singolare. Le nove parole insieme formano il frutto dello Spirito. Non se ne possono scegliere alcune, e lasciarne da parte altre. Sono come gli spicchi di un mandarino, insieme formano il mandarino. Insieme questi spicchi formano il frutto dello Spirito.

Il frutto dello Spirito. Un frutto ha bisogno del tempo per crescere. Inoltre non cresce da solo. Grazie a Dio il frutto cresce. Ma questo non toglie la nostra responsabilità. Dal seme al frutto. Su molte cose non possiamo incidere più di tanto, penso al sole o alle tempeste ma possiamo comunque annaffiare, fertilizzare, potare.

Si può parlare del fattore Dio e del fattore umano con il frutto dello Spirito. Il fattore Dio implica che il frutto è in definitiva un dono di Dio, che è lo Spirito che permette al frutto di crescere nella tua vita. Ma il fattore umano è che ti concentri consapevolmente su quel frutto, che rimuovi gli ostacoli, che togli le erbacce, che dai l’acqua quando serve, etc.

Quando il frutto dello Spirito fiorisce nelle nostre vite, questo è in primo luogo un dono di Dio, ma anche i nostri sforzi hanno un loro ruolo. Dio ci vuole partecipi nel suo Regno.


Foto gallery

Chiesa Evangelica Valdese di Lucca
Via Galli Tassi, 50 - Lucca (Lucca)
C.F 92042770468

MONTE dei PASCHI di SIENA
IBAN IT20 U01030 13707 000001369792

info@luccavaldese.it