14 Dicembre 2017
News

Mangiare insieme educa a crescere nella condivisione

16-11-2017 12:17 - Bibbia e attualità
Pane e olio alla mensa scolastica per i figli di genitori morosi?

Montevarchi, quasi 25.000 abitanti a metà strada tra Arezzo e Firenze, è balzata agli onori delle cronache per la decisione dell´attuale giunta municipale di dare pane e olio ai bambini delle famiglie morose, cioè non in regola con i pagamenti delle tasse previste per la mensa scolastica. Le colpe dei padri, è proprio il caso di dirlo, ricadono sui figli.

I servizi si pagano, perché i servizi costano, e, nella logica dei numeri, che spesso è il sol dell´avvenire in molti ambienti, talvolta anche nei Sinodi, la spietatezza dei numeri produce risultati come questo. Ma la discussione sui numeri distrae dal vero problema che, a Montevarchi come a Trapani, a Riesi come a Torre Pellice, a Padova come ad Agrigento è: quanto vale un diritto, quanto costa la civiltà?

Sulle proprietà organolettiche e ottime dell´olio e del pane fresco non c´è discussione. E probabilmente la salubrità del menù dei «morosi» sarà superiore ad altre più industriali preparazioni. Ma qui il problema è, ovviamente, pedagogico. Tanto più nelle scuole «pubbliche» le domande sul valore sociale dell´azione intrapresa assumono un significato molto rilevante.

A Riesi, nelle Scuole del Servizio cristiano, ad esempio, la mensa ha un valore democratico e non solo pedagogico. La condivisione del pasto è estremamente importante sia nella relazione dei bambini, delle bambine tra loro sia nella relazione dei bambini e delle bambine con l´Istituzione scolastica che, per loro, rappresenta la primissima forma di organizzazione strutturata e ordinata esterna alla famiglia. E sarebbe molto interessante conoscere il pensiero della scuola, o delle scuole che si sono ritrovate a dover applicare decisioni dell´Amministrazione comunale che intervengono nel processo educativo e pedagogico delle scuole, mortificandolo.

Le diverse «riforme», fino alla buona scuola, non hanno sradicato l´idea della mercificazione delle conoscenze, la parcellizzazione degli apprendimenti. Autovalutazione, prove standardizzate, presidi manager hanno consolidato l´idea che la scuola debba diventare, e in parte è già diventata, una organizzazione burocratica che eroga servizi (educativi, formativi, etc...), quindi forma il cittadino-consumatore mortificando le esperienze pedagogiche, didattiche. Purtuttavia, le scuole si adeguano. E, fino a oggi, non sappiamo di prese di posizione dei docenti di Montevarchi, come di Grosseto solo per limitarci ai casi più recenti. L´idea che i diritti fondamentali vengano subordinati a valutazioni economiche è dominante. E non ci sfiora il pensiero che creare ghetti fin dalla tenera età genererà discriminazioni ben più violente in tutte le fasi della crescita e dell´esperienza umana dei bambini e delle bambine.

Mangiare insieme, gli stessi cibi, a differenza di altre attività che usano, invece, una didattica differenziata, racchiude un messaggio importante: la condivisione. Io e te allo stesso tavolo, non importa che tu sia più o meno ricco di me, non importa che tu sia figlio, figlia di disoccupato o di professionista o di un migrante, durante la mensa mangiamo insieme, condividiamo lo stesso cibo, siamo uguali pur restando diversi e la nostra diversità si nutre dello stesso «pane».

Molte sono le altre tasse su cui l´Amministrazione avrebbe potuto operare il recupero del mancato pagamento delle morosità, andando a colpire i genitori inadempienti. Colpire i bambini, le bambine per costringere i genitori a pagare, è odioso e vigliacco. Eppure questa logica è molto diffusa. Diffusissima. E, prima di condannarla sugli altri, dovremmo ben riflettere se anche noi, quando ne abbiamo la possibilità, preferiamo la facilità della ritorsione, talvolta subdola, all´intelligenza della comprensione, della ragionevolezza, del confronto, della trasparenza.


Fonte: Riforma.it

Eventi

[<<] [Dicembre 2017] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

UN GIORNO UNA PAROLA

MARTEDÌ 12 DICEMBRE

La mia lingua celebrerà la tua parola, perché tutti i tuoi comandamenti sono giustizia
(Salmo 119,172)

La parola di Cristo abiti in voi abbondantemente, ammaestrandovi ed esortandovi gli uni gli altri con ogni sapienza, cantando di cuore a Dio, sotto l´impulso della grazia, salmi, inni e cantici spirituali (Colossesi 3,16)

Padre, Ti supplichiamo che nella tua Parola tutti trovar possiamo pace e allegrezza, ardor!
Innario cristiano

Isaia 26,7-15; Zaccaria 6,1-8

PREGHIERA

Con noi la passione
per il mondo del Padre
per noi l’amore
per i nemici del Figlio
davanti a noi la femminile santità
del loro Spirito
intorno a noi la vitalità
trinitaria di Dio. Amen

Kurt Marti

Il Vangelo ci parla

Luca 12,35

di Marco Gisola

«I vostri fianchi siano cinti, e le vostre lampade accese»

Il 26 novembre è l’ultima domenica dell’anno liturgico; con l´Avvento si ricomincerà dall’ “inizio”, dai racconti che ci fanno riflettere e meditare sulla nascita di Gesù, cioè sulla prima venuta del Redentore nel mondo; “avvento” infatti significa “venuta”, “arrivo”. Proprio il versetto del giorno dell’ultima domenica dell’anno liturgico ci invita ad attendere vigilanti e ad essere pronti «perché il Figlio dell´uomo verrà nell´ora che non pensate» (v. 40), riferendosi alla seconda venuta, cioè al ritorno di Cristo.

Potremmo quindi dire che tutta la vita cristiana è un Avvento, perché come cristiani attendiamo costantemente il ritorno di Gesù. Viviamo, dunque, tra la prima e la seconda venuta di Gesù. Ciò significa innanzitutto che gli eventi fondamentali della nostra fede non dipendono da noi, ma sono iniziativa unilaterale di Dio: è lui che ha deciso di mandare suo Figlio nel mondo, è lui che deciderà il suo ritorno.

E poi significa che come cristiani viviamo dunque in un tempo che non è un tempo qualunque, ma è un tempo che sta dopo la venuta di Cristo e prima del suo ritorno. È il tempo della speranza: la speranza è costituita da un lato dall’attesa e d’altro lato dalla preparazione per farci trovare pronti quando il Signore verrà.

Attesa, nel senso che il compimento è nelle mani di Dio, perché sarà Cristo a realizzare tutte le promesse di Dio quando tornerà a portarci il suo regno. Ma anche preparazione perché siamo chiamati a tenere i nostri fianchi cinti e le nostre lampade accese. Avere i fianchi cinti e le lampade accese vuol dire stare vigili e attenti a ciò che il Signore vuole dirci attraverso la sua Parola per essere pronti a metterci in cammino per andare dove il Signore ci chiama.

Fianchi cinti e lampade accese, ovvero attesa, preparazione, ascolto, fiducia… questo è il tempo che viviamo oggi, proiettati con speranza verso il futuro che Dio ci prepara.

LIBRI

PARLACI DELLA VITA


Il libro in pillole
•Un commento con occhi perlopiù cristiani al classico di Kahlil Gibran
•Una breve meditazione sui piccoli e grandi quesiti del Profeta
•Con insolite preghiere per momenti di spiritualità personale o di gruppo

Gibran è punto di incontro tra culture, religioni e spiritualità diverse. Ha donato a generazioni di lettori una sapienza moderna che abbraccia i grandi temi della laicità e le più profonde immagini di una fede universale.
Con un commento a Il Profeta che ne affianca gli ampi estratti e i temi affrontati con preghiere insolite e con brani biblici, l’Autore propone un gioco di rimandi per scoprire un testo attraverso l’altro.

«Se Khalil Gibran è un autore-ponte tra Oriente e Occidente, tra spiritualità e poesia, tra fedi e culture diverse, lo stesso Profeta è un libro-ponte, una sorta di Bibbia laica che abbraccia i temi universali della vita umana come li racconterebbero, e vi rifletterebbero, un cristiano, un musulmano, un buddhista e persino un laico agnostico. Tra preghiera, meditazione e poesia, Il Profeta, al cui interno non è difficile scovare tracce bibliche, parla la lingua di un’umanità che nella sua parte più profonda, consapevolmente o meno, pensa, medita e prega al di là dei confini geografici e politici, che appartiene a tutte le religioni e a nessuna, a tutte le culture e a nessuna».
Stefano Giannatempo

Foto gallery

[]

Documenti

icona relativa a documento con estensione pdf
Domenico Maselli e la passione per lunità dei cristiani

Fascicolo completo di "Lucca7" in ricordo del Pastore Domenico Maselli.
"Desiderava creare un Centro ecumenico a Lucca, intitolandolo a Vermigli e Agresti"

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]